“Se connettiamo quest’opera con il Grande Progetto Pompei e con il completamento della bonifica del fiume Sarno, allora vuol dire che cambieremo il destino di questo territorio, dal punto di vista ambientale e turistico”.

Il governatore della Campania Vincenzo De Luca ha commentato così il via ai cantieri per la nuova pista ciclabile che verrà costruita lungo l’ex linea ferroviaria della Torre Annunziata – Cancello. Una passeggiata in bici tra le meraviglie del Vesuvio fino al mare, collegando i paesi vesuviani con la costa oplontina.

Posata la prima pietra alla presenza del governatore della Regione Campania e dei sindaci del territorio. L’obiettivo è quello di favorire sempre di più la mobilità sostenibile e allo stesso tempo rappresenta un volano di sviluppo economico e turistico per tutto il vesuviano.

“E’ il primo tassello di un progetto più importante – ha spiegato il consigliere regionale Mario Casillo -. Ci sono progetti che collegano quest’opera fino a Caserta, così come al Parco del Partenio e il Parco Archeologico di Pompei”.

“Abbiamo abbandonato le ideologie di partito – ha spiegato il sindaco di Terzigno Francesco Ranieri – rivoltando una situazione di degrado a un’occasione di sviluppo”.

Si avrà l’occasione anche di visitare alcune peculiarità del vesuviano, come ad esempio il santuario di San Giuseppe Vesuviano, una delle meraviglie forse anche un po’ “nascoste” della Campania: “La qualità della vita si eleva anche attraverso opere come questa”, ha commentato il sindaco del paese vesuviano Vincenzo Catapano.

Un flusso di persone che potranno passeggiare, andare in bici e portare i bambini a spasso, che può raggiungere anche la città di Torre Annunziata: “Per farla diventare definitivamente città turistica – ha detto il sindaco Vincenzo Ascione – dobbiamo anche noi cambiare le nostre abitudini, curando la bellezza e avendo attenzione ai nostri comportamenti verso queste opere di riqualificazione. Solo così ci saranno tutte le condizioni necessarie per poter cambiare il destino del nostro territorio”.

vai alle foto

vai al video

La cerimonia