L’anno nero di Torre Annunziata. E siamo appena alla seconda metà del 2021. Un susseguirsi di violenza in città dall’inizio dell’anno solare. Il degrado sociale sta diventando insostenibile e la paura si fa sempre più largo tra i cittadini.

Tutto è cominciato la sera del 19 aprile quando Maurizio Cerrato è stato ucciso in via IV Novembre da quattro belve per un parcheggio. In tre sono finiti in carcere grazie alle testimonianza della figlia Maria Adriana. E’ stata lei a rompere il muro di indifferenza che si era fatto largo nel vicinato. A confermarlo anche le indagini e le parole del procuratore capo Nunzio Fragliasso.  Lo sdegno e la voglia di ripartire come al solito si fermano alle sole parole.

Lo scorso 2 maggio, in via Gino Alfani, un giovane fu gambizzato per un tentativo di furto proprio nella prima domenica di zona gialla dopo mesi di chiusure. Anche in questo caso nessuno ha visto la mano che ha premuto il grilletto.

Poi l’escalation di stese che è iniziata con due episodi tra il 26 marzo e l’8 aprile in via Cavour. Poi gli avvenimenti si sono intensificati di nuovo a partire dal 13 giugno con altri spari nei confronti dell’abitazione di un pregiudicato in corso Vittorio Emanuele, poi un altro giovane gambizzato al rione Penniniello. Anche stavolta la sua versione non ha del tutto convinto i carabinieri che stavano lavorando sul caso.

Un altro agguato, a colpi di kalashnikov, anche il 25 giugno e il proiettile ritrovato all'e infine l’ultimo dello scorso martedì quando un ragazzo, durante un presunto tentativo di rapina, è stato salvato da un’agenda all’interno del suo zaino che ha attutito il colpo di arma da fuoco diretto a lui. Gli inquirenti non escludono che dietro tutti questi raid non ci sia una nuova faida per il controllo della droga sul territorio.

Il problema sicurezza a Torre Annunziata è quanto mai evidente. Il Prefetto organizzò anche un incontro a Palazzo Criscuolo con il sindaco e i rappresentanti delle forze dell’ordine. Ma la città si conferma travolta dal vortice della violenza.

I particolari

la storia