“I risultati elettorali fatti registrare da Forza Italia nelle due competizioni regionali in Calabria ed in Emilia Romagna, sono ben al di sotto di ogni immaginabile flessione del consenso. Adesso si ascolti Raffaele Fitto: si mandino a casa i nominati e si apra il partito al confronto ed alla democrazia”. Così il senatore Vincenzo D’Anna, vicepresidente del gruppo Gal (ma eletto in Campania nelle liste del Pdl-Fi), commentando i risultati delle regionali.

 

“Quanti come me - ricorda D’Anna - hanno, in tempi non sospetti, contestato sia l’organizzazione verticistica ed inadeguata del partito, sia l’accondiscendenza verso la cosiddetta riforma costituzionale, provano, al tempo stesso, amarezza e rabbia. Sono stato ritenuto un folle e conseguentemente emarginato da improbabili dirigenti di partito, anche nelle aule parlamentari dove ho tentato, insieme con pochi altri, di tenere vivo il ricordo dei valori del liberalismo e dei principi distintivi che portarono alla costituzione del partito liberale di massa con a capo Silvio Berlusconi”.

 

“Il ritorno in campo del presidente Berlusconi certo agevolerà le cose in futuro, ma non potrà cambiarle sostanzialmente. Laddove, infatti, non v’è politica né programmi di tutela dei ceti sociali rappresentati, non potrà mai esservi consenso elettorale” conclude D'Anna.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"