“Dalla rigenerazione del tessuto e degli spazi urbani uno slancio decisivo per migliorare la qualità della vita a Gragnano”. Ne è convinto Nello D’Auria, in lizza per la fascia di sindaco alle prossime elezioni amministrative.

Nel suo programma elettorale, elaborato in punti e proposto ai cittadini con slide e infografiche, ha ben chiare le idee da mettere in campo per il suo patto con la città. Fulcro fondamentale del suo progetto lo avrà il recupero degli spazi e le aree in stato di degrado. Con una spinta in più: i processi di partecipazione sociale e imprenditoriale. “Le idee elaborate insieme a professionisti, appassionati e cittadini che hanno voluto condividere con me questo percorso – ha spiegato Nello D’Auria – hanno un unico comune denominatore. Restituire alla collettività quell’identità culturale e territoriale che si sta smarrendo. L’unica via possibile è quella di promuovere, più di prima, iniziative economiche e occupazionali con particolare attenzione alla rifunzionalizzazione del patrimonio comunale e alla valorizzazione delle opere pubbliche”.

In questa direzione andrà il censimento del patrimonio immobiliare per cercare di delineare lo stato di salute di ogni risorsa. Sarà poi cura dell’amministrazione individuare quelle aree inutilizzate e rimetterle in attività o a reddito, garantendone nel tempo la gestione e la manutenzione.

“Sono diverse le unità che possono più di tutte, godere di una nuova luce – ha continuato Nello D’Auria -. Sono l’ex Scuola di Castello, dove sarà magnifico realizzare un ostello della Gioventù con annesso parcheggio a uso pubblico. Poi c’è il fabbricato dell’ex scalo merci di Piazza Amendola, che verrà recuperato con un partenariato pubblico/privato per attività di ristorazione dove le eccellenze del territorio, pasta, prodotti caseari, olio, vino, ciliegie, saranno protagonisti assoluti col fine di valorizzare le eccellenze della nostra terra. Penso inoltre anche al Monastero di San Nicola de’ Miri, luogo ideale per far nascere una scuola di restauro, un hub turistico a servizio dei ramblers, ma anche suggestiva cornice di rassegne culturali e di teatro. Infine l’ex scuola di Caprile, per la quale abbiamo in mente di creare un centro ludico/motorio/ricreativo/sportivo interamente dedicato alla terza età, ampliando anche l’area parcheggio ad uso e consumo dei residenti”.

Oltre a questo, fondamentale sarà il recupero degli altri punti di interesse dislocati sul territorio, come i Giardini della Bellezza, al cui interno verranno rimessi in funzione il campetto polifunzionale e il pallone geodetico, istituendo anche un percorso fitness a uso pubblico. Lo sport sarà la chiave di unione con gli altri quartieri della città nei quali realizzeremo playground polifunzionali con street art che avranno come trait d’union proprio l’attività sportiva e i grandi dello sport.

“Idee che costruiremo insieme – ha concluso Nello D’Auria – per realizzare una Gragnano viva e vivibile, in grado di pensare al futuro senza ridurlo o limitarlo”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"