“Andare alle urne a settembre è da irresponsabili”. Così Vincenzo De Luca ha criticato aspramente l’ipotesi in indire l’election day per il prossimo 20 settembre. Per il presidente sarebbe stato più giusto andare nei seggi a luglio.

Il governatore della Regione Campania non usa mezzi termini per criticare le opposizioni. “Se non vi va al voto a luglio è colpa delle opposizioni. Cioè la Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia e il Movimento 5 Stelle. Vogliono perdere tempo. Il Governo ha preso decisioni irresponsabili, la data la devono fissare le Regioni. Ma hanno escluso due mesi fa, con un decreto nazionale, che si potesse andare al voto prima di settembre. Nel frattempo in Italia abbiamo aperto tutto. Ora quando si dice di aprire le scuole il 20, vuol dire prendere in giro tutti”.

Il discorso scolastico è uno dei punti chiave del suo discorso. “Per riaprirle va fatto un lavoro complicatissimo. Come si fa a svolgere un compito così difficile pensando alla campagna elettorale? Andremo in una situazione di totale disastro”.

De Luca ha anche attaccato pesantemente il ministro dell’economia Gualtieri sui 240 milioni che lo Stato deve restituire alla Regione Campania. “Gli ho parlato ma non vorrei che fosse spirato all’improvviso…”.

Il punto

Lo show