Usura e tentata estorsione aggravata, due coniugi arrestati a Castellammare di Stabia. Si tratta di Adelina Donnarumma, 65 anni, e del marito Marziano Lanzieri, 68 anni.  

All’alba di questa mattina i carabinieri della compagnia locale hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del tribunale di Torre Annunziata, su richiesta della procura della Repubblica, nei confronti delle due persone, entrambe con precedenti specifici.

Le indagini sono partite nel 2017 a seguito di una denuncia fatta da un insegnante che, in un periodo di ristrettezze economiche, due anni prima, su era rivolto alla donna per ottenere un prestito a tassi usurari.

Due anni terribili per la vittima, appartenente ad una cerchia di altre persone finite nel cappio dell’usura. I due arrestati hanno dapprima prestato 1500 euro per poi farsi consegnare il denaro con interessi che arrivavano anche fino a 450 euro al mese per 19 mesi (circa 8550 euro, ndr).

A seguito del mancato pagamento degli importi dovuti per 4 mesi, la donna si era fatta promettere da una delle vittime l’erogazione di una somma pari a un ulteriore 30 per cento sull’importo preteso a titolo di interessi. Ad altre persone erano stati inflitti 180 euro di interessi per un prestito di 200 euro, ad altri ancora interessi per 1400 euro per un prestito di 1000 euro. A chi non pagava, seguivano minacce di morte per la vittima e la sua famiglia.

I carabinieri hanno fermato l’incubo in cui erano precipitate le vittime: la donna è stata portata in carcere a Pozzuoli mentre l’uomo, destinatario del divieto di dimora in regione, è stato allontanato.