Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, al termine di una riunione con gli operatori del settore a Santa Lucia, ha deciso di consentire con forme di controllo più rigorose rispetto al precedente protocollo, l' organizzazione delle cerimonie di matrimonio "senza dare al momento alcuna scadenza, se non quella di un'esame periodico, ogni 15 giorni, con i rappresentanti del comparto, della situazione epidemiologica".

Oggi -  si legge nel comunicato stampa - sarà emanata una ordinanza ad hoc, nella quale verrà disposto, tra l'altro, che per ogni cerimonia, gli organizzatori dovranno fornire obbligatoriamente le generalità di due responsabili, uno per le cucine, uno per le sale. Ogni cerimonia dovrà inoltre essere segnalata in anticipo all'Unità di Crisi, che a sua volta informerà le forze dell'ordine per poter effettuare controlli sull'osservanza dei protocolli già esistenti.

A pesare sulla scelta anche il fatto che in molti stavano programmando le proprie nozze fuori regione, un danno sia economico che di salute, visto poi l'andamento dei contagi di importazione verificatosi ad agosto.

 

l'incontro

lo screening

le dichiarazioni