Domani prenderà il via la manifestazione indetta dai disoccupati di Torre Annunziata. Dopo il presidio messo in piedi nelle scorse settimane, il movimento cittadino alle 9 scenderà per le vie della città per divulgare il proprio dissenso. Il corteo partirà dallo stadio Giraud e si fermerà in piazza Ferrovia, proprio nei pressi di Palazzo Criscuolo. Ecco il comunicato diramato e le richieste del Movimento per il Lavoro.

IL COMUNICATO

Il 24 aprile 2015 è il giorno del riscatto e della speranza, in quella data il Movimento per il Lavoro di Torre Annunziata ha indetto una manifestazione cittadina per rivendicare il diritto ad una vita dignitosa.

In queste settimane abbiamo incontrato scuole, associazioni, comunità parrocchiali, donne e uomini con cui abbiamo condiviso la necessità di ridare ai cittadini torresi la speranza, attraverso il lavoro, di un riscatto, sociale ancor prima che economico. Siamo convinti che solo grazie al Lavoro i disoccupati torresi e non solo potranno evitare di cadere nella trappola del malaffare e della camorra, che da sempre trova linfa vitale nel disagio sociale.

L’enorme sforzo messo in campo in questi anni da magistratura, forze dell'ordine e amministrazione Comunale nel contrasto alla criminalità rischia di essere vanificato se non accompagnato da una serie di politiche attive per il lavoro ed è proprio per questo che riteniamo che le opportunità proposte, come il piano “sblocca Torre” o la creazione del parco commerciale, possano essere occasione affinché si possa compiere il processo di “bonifica” dei nostri territori.

Attraverso questo appello pubblico ci rivolgiamo sia a tutti coloro che non abbiamo potuto incontrare, per invitarli alla manifestazione cittadina e sostenere tutte le iniziative future del movimento, e anche alle istituzioni cittadine e in particolare all'amministrazione Comunale a cui reclamiamo un impegno concreto immediato. Nello specifico chiediamo al Sindaco ed agli Assessori di riferimento un incontro ufficiale con i rappresentanti del Movimento - che si possa svolgere alla fine della manifestazione - affinché si discuta delle proposte elaborate che di seguito anticipiamo:

  • -    L’istituzione di un osservatorio perenne per il lavoro di cui facciano parte anche i rappresentanti del Movimento e che diventi anche il luogo della trasparenza e delle scelte condivise sulle tutele sociali e l’occupazione
  • -        L’impegno diretto dell’amministrazione nel garantire una quota di assunzione di cittadini torresi pertutti gli appalti riguardanti la pubblica amministrazione;
  • -    Una lettera d’intenti tra Movimento e i rappresentanti dell’amministrazione comunale affinché raccolgano l’impegno dai futuri consiglieri regionali e dalla giunta di istituire un Reddito minimo di dignità per tutti i cittadini torresi e della Campania, canalizzando su questa misura quanti più risorse possibili messe a disposizione dai Fondi Europei.

La manifestazione del 24 aprile e l’incontro con l’amministrazione Comunale non saranno il punto di arrivo della nostra azione, ma già dall'indomani saranno programmate nuove iniziative pubbliche attraverso le quali saranno ribadite le parole d’ordine del Movimento: Lavoro, Diritti, Dignità come contrasto alla povertà e alla camorra.