Le sue origini sono calabresi, ma vive nel quartiere Ponticelli ed è sottoposto alla misura di sicurezza della Libertà Vigilata.

Antonio Izzo, 40enne pregiudicato, facente parte del Clan Vollaro, il 30 agosto  2012, fu fatto bersaglio di numerosi colpi di arma da fuoco, sparati con l’intento di ucciderlo, e che riuscì a scansarsi nascondendosi nell’androne di uno stabile.

Gli agenti del Commissariato di PoliziaPortici-Ercolano”, nella serata di ieri, lo hanno sorpreso ed arrestato, mentre cedeva una dose di droga ad un minorenne, in Via Pietrarsa, angolo Corso Garibaldi.

Izzo, conosciuto negli ambienti della criminalità con il soprannome di “capa chiatta”,  è stato trovato in possesso di alcune dosi di hashish e di un telefono cellulare, utilizzato per ricevere gli ordinativi di stupefacente.

L’uomo è stato condotto nelle camere di sicurezza della Questura e, domani, sarà giudicato con rito per direttissima.