C'è Carmine Amato, 41 anni, figlio Pietro Amato, ritenuto dagli inquirenti capo del clan degli scissionisti, e di Rosaria Pagano, sorella del boss Cesare Pagano, tra le due persone alle quali i carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli e la Direzione distrettuale antimafia partenopea contesta l' omicidio pluriaggravato di Francesco Feldi, per gli investigatori affiliato al clan Sacco-Bocchetti, assassinato nel rione Berlingieri di Napoli il 19 febbraio 2011.

La stessa contestazione riguarda anche un altro presunto affiliato allo stesso clan, Raffaele Teatro, 32 anni. Entrambi i destinatari delle misure cautelari emesse dal gip su richiesta della Procura di Napoli sono già in carcere per altre cause.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"