Giuseppe Castaldo, commerciante di preziosi, bersaglio dei rapinatori, si era recato dal titolare di un deposito di bibite e detersivi, con il quale è imparentato, all'angolo tra via Alveo e Corso Resina, il corso principale di Ercolano. I banditi, due, a volto scoperto, erano a bordo di un motorino. Secondo una prima ricostruzione uno di loro avrebbe avvicinato il commerciante per derubarlo. I corpi dei rapinatori sono stati trovati a distanza di una ventina di metri uno dall'altro. Uno di loro è accanto al motorino.

I carabinieri hanno identificato i due corpi che sono di Bruno Petrone, 53 anni, e di Luigi Tedeschi di 51. Entrambi sono del rione Ponticelli e sono già noti alle forze dell'ordine.

Catturato l'ultimo complice

Le immagini prima della rapina

I provvedimenti

Le dichiarazioni

Funerali pubblici per i rapinatori

Autopsia eseguita

La bagarre politica

Buonajuto denuncia le minacce al gioielliere

I carabinieri acquisiscono il video

Borrelli: 'La scorta per Castaldo'

Le dichiarazioni choc dei parenti

Le parole del figlio del gioielliere

Fissata l'autopsia

L'assemblea straordinaria del Pd

La ricerca del 'palo'

Le dichiarazioni di Castaldo

Il gioielliere è indagato

Le pistole giocattolo

Il post di Salvini

Gli insulti dei parenti delle vittime - il video

La dinamica

Uccisi due rapinatori