"Noi siamo tanti fratelli, domani mattina a qualcuno frulla in testa di andarlo a prendere e lo uccidiamo. Il sangue è sangue". A dichiararlo al portale Fanpage uno dei parenti dei rapinatori uccisi due giorni fa ad Ercolano dal rappresentante di gioielli Giuseppe Castaldo. L'ira da parte dei familiari di Petrone e Tedeschi non si ferma anzi c'è addirittura chi dice. "Potevano spararlo nelle gambe o arrestarlo. Noi sapevamo quello che faceva, ma era senza lavoro. Lui aveva una pistola e sapeva come usarla".  


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

vai al video

Catturato l'ultimo complice

Le immagini prima della rapina

I provvedimenti

Le dichiarazioni

Funerali pubblici per i rapinatori

Autopsia eseguita

La bagarre politica

Buonajuto denuncia le minacce al gioielliere

I carabinieri acquisiscono il video

Borrelli: 'La scorta per Castaldo'

Le parole del figlio del gioielliere

Fissata l'autopsia

L'assemblea straordinaria del Pd

La ricerca del 'palo'

Le dichiarazioni di Castaldo

Il gioielliere è indagato

Le pistole giocattolo

Il post di Salvini

Gli insulti dei parenti delle vittime - il video

I nomi dei rapinatori

La dinamica

Uccisi due rapinatori