Peppe ‘o pazz resta al 41 bis. A deciderlo è stata la Corte di Cassazione che ha respinto l’ultimo ricorso presentato dai legali del boss del clan Gallo-Limelli-Vangone di Boscotrecase.

Secondo i giudici Giuseppe Gallo, malgrado il regime di carcere duro, è ancora un punto di riferimento della criminalità organizzata. Soprattutto dopo che è stato trovato nella sua cella a Parma con 3 telefonini.

Peppe ‘o pazz aveva così provato a scavalcare la decisione del tribunale di Sorveglianza di Roma senza riuscirci. Il boss è stato già condannato in via definitiva per narcotraffico e concorso in omicidio.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"