Il Leone d'oro per l'Imprenditoria è un prestigioso riconoscimento che viene assegnato  all’interno del Gran premio Internazionale di Venezia  ogni anno  a settembre per premiare le migliori aziende e per meriti professionali di coloro che si sono particolarmente distinti. 

Presso il Gran Caffè la Caffetteria di Piazza dei Martiri a Napoli organizzata dalla responsabile della Regione Campania, Nesterenko  Svetlana  su indicazione del Patron della manifestazione  Sileno Candelaresi  Presidente dell’Ordine del Leone d’Oro,  sono state comunicate le  nomination  delle  aziende e dei professionisti  che si sono particolarmente distinti e premiati durante  la cerimonia che si è tenuta presso la Sala Mechelli del Consiglio Regionale del Lazio.

E’ stata sottolineata l’importanza di questi  riconoscimenti, come punto di riferimento e crescita del vasto mondo delle PMI campane, che hanno evidenziato ancora una volta l’emergere di  numerose “Eccellenze “.  Il Gran Premio Internazionale di Venezia, nato nel 1947  ha aumentato di volta in volta il  suo prestigio  e dal  2008 è stato istituito il Leone d’Oro per l’Imprenditoria.   Non è cosa da poco essere nominati  nella  rassegna del Premio Internazionale di  Venezia . Un premio istituito in una  città e una  Regione  tra le più  autorevoli  della Nazione  ed essere  indicati per l’assegnazione di un tale  prestigioso riconoscimento  alla professionalità, all’ imprenditoria  e alle  PMI  appartenenti alla Regione Campania  e quale riferimento  di crescita e valorizzazione del territorio.  “

Nella nostra Nazione  - aveva dichiarato il Presidente Candelaresi - vi sono sicuramente delle aziende cardine, delle figure chiave con cui chiunque voglia fare impresa ai giorni nostri deve necessariamente confrontarsi. È proprio questo valore che vogliamo certificare”.   

I riconoscimenti sono andati a Carola Flauto, scrittrice di Torre Annunziata, Giuseppe Sondelli, per  la sua vita professionale nel mondo della Settima Arte, Alfredo Catapano, dell’omonima azienda di abbigliamento partenopea, Antonio Pace Avpn per aver promosso e tutelato la vera pizza napoletana,  Castello di Limatola, che sovrasta l’antico borgo medioevale, DolceAmaro Confetti, per la produzione di confetti fin dal 1975, Pasticceria Capriccio, che nasce a Napoli il nel  Settembre 1964, nel quartiere vicaria  , Anna Capasso, attrice brillante del cinema italiano, Antonio Grilletto, giornalista di spirito innovativo al servizio del sociale, Giuseppe Noschese,  attivo  nella cooperazione tra civili e militari  in ambito di medical intelligence, Gino Sorbillo, di una delle famiglie di pizzaioli più antiche di Napoli, Antonio Peytrignet  commercialista e revisore legale dei conti  per le  pmi , Bilancione Gelateria,  gelateria Bilancione di  Napoli, sulla collina di Posillipo, Vitis Aurunca, L’azienda agricola  che riscopre le peculiarità  del territorio della Campania , Federico Pannaccione Apa  responsabile  presso la Bulgari Gioielli e nella produzione di coralli e cammei, Villa Nesea Monte di Procida per la buona cucina di Procida , Tecno Maint- Services Arzano, azienda informatica sul mercato da 30 anni.