17:48

Dando per scontata l'assenza di apparentamenti al secondo turno, ecco come potrebbe essere formato il consiglio comunale di Torre Annunziata. In caso di vittoria di Vincenzo Ascione il Pd prenderebbe 6 consiglieri, Civici Innovatori 3, due consiglieri per la lista 3c e per i Progressisti e Democratici, un consigliere a testa per Udc e Generazione 2.0. 
All'opposizione oltre i candidati sindaci Alfieri e Telese, entrerebbero in consiglio comunale tre rappresentanti di Centro Democratico e uno a testa per le liste Torre Libera, Insieme per la Campania, Orgoglio e Dignità e Forza Italia.

In caso di vittoria di Ciro Alfieri la maggioranza sarebbe composta da sei consiglieri di Centro Democratico, due di Torre Libera e Insieme per la Campania, uno a testa per Orgoglio e Dignità, Torre dei Valori, Nuovo Centro e Cittadini. All'opposizione oltre ai due candidati sindaci Ascione e Telese siederebbero tra le file dell'opposizione tre consiglieri del Pd, ed uno rispettivamente per le liste Civici Innovatori, 3C, Progressisti e Democratici e Udc.

16:25

Ufficializzati i risultati finali delle elezioni a Torre Annunziata. Sì val ballottaggio con Ascione che ha raggiunto il 49,53% (pari a 11.546 voti) seguito da Alfieri al 39,14% (pari a 9.126 voti). Escluso dal ballottaggio Telese, fermatosi all'11,33% (pari a 2.642 voti).

12:40

Il Partito Democratico ha chiesto nuovo conteggio dei voti. Dopo l'interminabile querelle legato allo spoglio della sezione 33 che ha sancito il ballottaggio tra Vincenzo Ascione e Ciro Alfieri, si segnala che alcuni partiti, tra cui, appunto, anche il Pd, hanno chiesto il conteggio dei voti dai verbali per alcuni seggi, in quanto risulterebbero incongruenze con i dati forniti dai rappresentanti di lista presenti al momento dello spoglio.

Per la cronaca, i votanti nella sezione 33 sono stati 505. A fronte di 473 voti validi e 9 schede bianche, Vincenzo Ascione ha ottenuto 230 preferenze, Ciro Alfieri 215 e Pierpaolo Telese 28.

12:20

E' ufficiale: dopo il conteggio della sezione 33, arriva il verdetto definitivo. Si andrà al ballottaggio: Vincenzo Ascione non riesce a superare la soglia del 50% necessaria per la vittoria al primo turno. Tra 15 giorni si conoscerà il nome del nuovo sindaco di Torre Annunziata.

15:30

Dopo una mattinata al cardiopalma, sul limite del 50%+1 per il candidato sindaco Ascione, sono cominciate questo pomeriggio le operazioni di spoglio della sezione 33, l'unica sezione ancora aperta e da cui dipende l'esito delle elezioni a Torre Annunziata. Il candidato sindaco del centrosinistra Enzo Ascione ha atteso i risultati nella sede del PD dove è stato salutato come vincitore dopo che sono stati resi noti i numeri della sezione in questione. Numeri che, probabilmente, in fase di chiusura delle operazioni di voto, non tornavano. Da qui la decisione dell'Ufficio Elettorale di commissariare la presidenza del seggio e affidarla al magistrato Giovanni De Angelis. Il pm, all'interno del Comando di Polizia Municipale dove è stato allestito il seggio, controllerà le schede.

Aggiornamenti nelle prossime ore

07:55

Trepidante attesa all'esterno della sede del Partito Democratico di Torre Annunziata. Vincenzo Ascione sarebbe ad un passo dalla vittoria al primo turno. Il candidato della coalzione di centrosinistra potrebbe riuscire a superare il 50% + 1 dei voti già al primo turno. 

06:32

Spoglio a rilento in buona parte dei seggi di Torre Annunziata in cui si stanno contando le schede per individuare il sindaco e i consiglieri comunali della prossima consiliatura. Appare ormai certo che si andrà al ballottaggio tra Vincenzo Ascione, che si attesta al 47,96% e Ciro Alfieri che si è fermato al 40,68%, quando siamo a 44 sezioni scrutinate di cui 33 in maniera definitiva. Buona anche l’affermazione per Pierpaolo Telese che si avvia verso un 11,35%.  

05:20

A Torre Annunziata inizia a delinearsi anche un dato sulle liste presenti nella competizione elettorale. Con 6 sezioni su 52 scrutinate, il dato che emerge è che le liste a sostegno del candidato a sindaco Ciro Alfieri, al momento al ballottaggio con un potenziale 39,5%, viaggiano al 48,3%. Un dato di duplice lettura: da un lato il fatto che le liste siano state forti ma anche che in molti casi non vi sia stata corrispondenza tra il voto alla lista e il candidato sindaco collegato. Fenomeno inverso, anche se meno evidente, si è verificato per il candidato Vincenzo Ascione. La sua candidatura ha “tirato” più delle sue liste, ma con uno scarto più ridotto: 48,3% per lui, 44,8% per le liste. Nel caso di Pierpaolo Telese, poi, di fronte a un’affermazione personale con l’11,9% le liste si sono arenate, per il momento, a un 6,79%. Tra le liste testa a testa tra Pd e Centro Democratico per la palma di primo partito in città.  

04:18

Ballottaggio in molti dei 21 capoluoghi di provincia e 4 capoluoghi di regione al voto: la gran parte dei sindaci delle grandi città saranno con ogni probabilità eletti il prossimo 25 giugno. Sicura sembra solo - stando alle proiezioni e ai primissimi dati - la riconferma di Leoluca Orlando, nuovamente sindaco di Palermo anche dal momento che la legge elettorale siciliana ha abbassato al 40 per cento il quorum per essere eletti al primo turno. Il Movimento Cinque Stelle sarebbe invece fuori da tutti i ballottaggi nelle grandi città, Genova, Palermo, Parma e l'Aquila: potrebbe riuscire a concorrere solo a Taranto. Sorpresa a Genova: il candidato sindaco del centrosinistra, Gianni Crivello, è in svantaggio - dopo i primi scrutini - sul candidato del centrodestra Marco Bucci; Bucci è dato al 37%, Crivello al 31%. A L'Aquila è in vantaggio il candidato del centrosinistra che tuttavia sarebbe costretto al ballottaggio. Questo il dettaglio nelle grandi città: GENOVA ballottaggio centrodestra-centrosinistra PALERMO probabile riconferma Leoluca Orlando VERONA situazione incerta: i candidati di centrosinistra, di centrodestra e Patrizia Bisinela, compagna del sindaco uscente Flavio Tosi, avrebbero percentuali di voto molto vicine. PARMA ballottaggio sindaco uscente Pizzarotti-centrosinistra L'AQUILA ballottaggio centrosinistra-centrodestra CATANZARO ballottaggio centrosinistra-centrodestra TARANTO la sfida è aperta, in quattro sono per ora in corsa per raggiungere il ballottaggio MONZA ballottaggio centrosinistra-centrodestra PADOVA ballottaggio centrosinistra-centrodestra LECCE ballottaggio centrosinistra-centrodestra Complessivamente, su 25 capoluoghi al voto, 15 erano guidati da giunte di centrosinistra, 5 del centrodestra (Trapani, Frosinone, Catanzaro, Gorizia, Lecce) 2 erano in mano a commissari (Lodi e Padova), e poi ci sono le situazioni di Parma, con Federico Pizzarotti che ha rotto clamorosamente con i Cinque Stelle; di Verona, dove Flavio Tosi, grande ex del Carroccio, non si è potuto ricandidare perchè ha guidato da un decennio la città e di Leoluca Orlando, candidato di un cartello di centrosinistra che si è presentato senza simboli di partiti.

04:12

"Amiche ed Amici abbiamo vinto,Portici sconfigge bugiardi e diffamatori.
Adesso #riparteportici per il momento a 68 km/h.....,ma la notte è ancora lunga" il commento affidato a Facebook dal senatore del Pd, Vincenzo Cuomo e da questo momento neo sindaco di Portici. 

03:51

Con 36 sezioni su 52, di cui 14 definitive, si profila la possibilità del ballottaggio per decidere chi sarà il sindaco di Torre Annunziata. Ci crede ancora, fino all’ultimo voto Vincenzo Ascione, che col 49,1% e con 6852 preferenze si avvicina di pochissimo alla vittoria al primo turno. Ciro Alfieri, invece, col 39% e con 5444 preferenze, potrebbe essere lo sfidante del secondo turno tra 15 giorni. Pierpaolo Telese, invece, fa registrare un flop con la sua rivoluzione: per lui solo l’11,8% con 1658 preferenze. 

02:43

Poco meno di 27 sezioni, oltre diecimila schede scrutinate, ma ancora molti dati parziali per il voto a Torre Annunziata:  il candidato del centrosinistra Vincenzo Ascione è sempre in netto vantaggio nei confronti del leader del polo moderato, Ciro Alfieri. 49,4% per Ascione che conta di arrivare alla vittoria al primo turno. Alfieri, invece, si ferma al 38,7%, mentre Pierpaolo Telese si attesta ad un bassissimo 11,8%.

Ecco le proiezioni

02:29

A Portici anche il finale del voto è condito da aspre polemiche. Dopo le parole durissime del neo sindaco Cuomo arrivano le frasi del candidato grillino, Giovanni Erra. "A Portici tra la speranza di cambiamento e l'odore della pagnotta, hanno scelto la pagnotta. Adesso non lamentatevi". 

02:20

"Grazie": una scritta grafica in blu sulla pagina #ripartePortici con Enzo Cuomo sindaco quando sono da poco passate le due di notte chiude le elezioni nella cittadina vesuviana che vede vincere, al primo turno e con percentuale schiacciante, l'ex sindaco della città. 

02:01

Le prime parole del sindaco di Portici Vincenzo Cuomo sono dedicate al rapporto con la città: “Ora va recuperato il rapporto con la gente”. Il senatore del Pd ha anche parlato delle scene viste oggi: “Stamattina abbiamo assistito a scene tragicomiche nei seggi, in cui addirittura dei rappresentanti 5 stelle chiedevano di ripetere voto a chi aveva sbagliato a votare, stravolgendo la costituzione”.

“Gli errori di queste tendenze del paese sono tutti nostri: siamo una classe dirigente politica colpevole. Non è possibile che una manica di ignoranti vada al governo di questa città. A prescindere dal rispetto per chi vota 5 stelle, non rispetto il gruppo dirigente del movimento: speculare sulla paura della gente è peggio di fare quello che hanno fatto loro: creare condizioni per cui si protestasse”. 

01:47

"Abbiamo fatto una campagna elettorale sui contenuti e siamo stati premiati. Gli altri hanno fatto una campagna solo diffamando e insultando e sono stati sonoramente sconfitti". Sono le parole del segretario locale del Pd di Portici, Amedeo Cortese, soddisfatto per la vittoria di Vincenzo Cuomo

01:26

Con 9 sezioni scrutinate, anche se per queste manca ancora la parola definitiva, si profila a Torre Annunziata una prima gerarchia del voto che vede in netto vantaggio il candidato del centrosinistra Vincenzo Ascione con il 54% seguito dal leader del polo moderato Ciro Alfieri con il 32,99%. Solo terzo, staccato, Pierpaolo Telese con il 12,82%

Ecco i primi dati

01:22

A Lettere appare sicura la riconferma di Nino Giordano, primo cittadino uscente del comune dei Monti Lattari. Il suo quartier generale è in festa. Manca solo l'ufficialità. 

01:15

"Abbiamo fatto una campagna elettorale sui contenuti e siamo stati premiati. Gli altri hanno fatto una campagna solo diffamando e insultando e sono stati sonoramente sconfitti". Lo dice il segretario locale del PD Amedeo Cortese, in pieno spoglio, soddisfatto per la prevista stravittoria di Cuomo.

01:10

Per Pietro Amitrano sindaco di Pompei manca solo l'ufficialità: nel suo quartier generale momenti di relax con una simpatica partita a calcio balilla tra il neo sindaco, il capogruppo del Pd in Regione Mario Casillo e il sindaco di Castellammare Toni Pannullo. 

Ecco la foto della partita a bigliardino del neo sindaco Amitrano.

00:49

A Pompei si profila una vittoria al primo turno per Pietro Amitrano, candidato sindaco del centrosinistra. Dal suo quartier generale traspare un certo ottimismo anche sulla base dello spoglio di queste ore. 

00:44

A Portici potrebbe essere questione di minuti per l’ufficialità del nuovo sindaco. Enzo Cuomo, attuale senatore ed ex sindaco della città per due mandati, vola al di sopra del 60% trascinando le sue liste e battendo sonoramente i suoi sfidanti. 

00:16

Affluenza in forte calo in questo turno di elezioni comunali per eleggere consigli e sindaci di 1004 città. Poco più del 60% è andato a votare (dato non definitivo); nel 2012, alla stessa ora, nelle omologhe aveva votato oltre il 67%. Subito dopo la chiusura delle urne è iniziato lo spoglio delle schede, tranne a Gorizia dove avverrà domani. Complessivamente a questa tornata elettorale sono stati interessati 9.172.026 elettori, dei quali 4.428.389 di sesso maschile e 4.743.637 di sesso femminile, in 10.822 sezioni elettorali. Tra i 21 capoluoghi di Provincia, l'affluenza è andata oltre il 70% a Lecce (chiamata ad eleggere il successore di Paolo Perrone, sindaco uscente non ricandidabile dopo 10 anni alla guida della città), a Frosinone (dove cerca la riconferma il sindaco uscente di centrodestra Nicola Ottaviani) e a Rieti, dove si ripresenta il sindaco uscente di centrosinistra Simone Petrangeli, ma è una eccezione. Altrove - da nord a sud - le percentuali di affluenza alle urne sono andate dal 49,12 di Como al 58,52 di Taranto. Buona l'affluenza a l'Aquila, dove ha votato il 67,77%, dove è probabile il ballottaggio e dove si chiude comunque l'epoca di Massimo Cialente, sindaco centrosinistra, che ha guidato la città negli anni difficili del dopo sisma che l'ha colpita nel 2009. A Palermo, il superfavorito è il primo cittadino uscente e probabile vincitore Leoluca Orlando. Tra le città dove le sfide sono più accese, c'è Parma, dove si è ricandidato Federico Pizzarotti, primo sindaco M5S di una grande città italiana poi dissidente del movimento di Beppe Grillo. A Verona, dove Flavio Tosi non potrà essere rieletto ha candidato la compagna Patrizia Bisinella, senatrice. Anche in questa scadenza elettorale non sono mancate le denunce a chi è stato sorpreso mentre fotografava il voto in cabina.Tra le buone notizie, si evidenziano l'elezione di due sindaci già avvenuta nel bresciano, grazie al superamento del quorum: entrambi erano gli unici candidati per la carica di primo cittadino; e il senso civico di una sposa che, dopo aver pronunciato il fatidico sì all'altare, in abito bianco e strascico, è arrivata al seggio, a Catanzaro, per esprimere il proprio voto.

00:06

Pochissime schede scrutinate, ancora molto lavoro da fare per Presidenti di seggio e scrutatori, ma da Torre Annunziata arriva un primissimo dato che ovviamente va considerato come mero criterio numerico. Ecco i primi dati sui candidati a sindaco.

23:47

Primi dati ufficiali sull’affluenza al voto anche in comuni importanti della provincia di Napoli. A Pompei le urne si chiudono con il 74,25% contro l’81.92% delle precedenti elezioni. A Portici, invece, si arriva al 64,49 % contro il 69,69% dell’ultima tornata elettorale. A Pozzuoli si arriva al 60,32 contro il 65,64% delle ultime elezioni.

23:38

A Torre Annunziata sono 23.990 i cittadini che nell'arco della giornata sono andati al voto. Una percentuale pari al 68,46% in leggerissimo calo rispetto alle precedenti elezioni quando si attestò sul 69,33%

23:35

In provincia di Napoli c'è già un nuovo sindaco eletto: si tratta di Michele Palummo, riconfermato alla guida di Pimonte, piccolo comune dei Monti Lattari. Ha ottenuto il 72% dei consensi. 

 

23:12

Acerra. Due persone sono state denunciate ad Acerra (Napoli), per aver fotografato, con il proprio smartphone, la scheda elettorale appena votata. Si tratta di una 30enne ed un 46enne, scoperti grazie ai rappresentanti di lista dei seggi interessati, nei rioni Madonnelle e Spiniello, che hanno distintamente sentito il rumore della fotocamera dei cellulari, ed allertato la polizia. Gli agenti dopo aver visionato gli scatti, hanno denunciato a piede libero i due elettori.

23:12

Torre Annunziata. Va in cabina elettorale, vota e fotografa la scheda: scatta la seconda denuncia nello stesso seggio. I poliziotti del commissariato di Torre Annunziata (agli ordini del dirigente Vincenzo Gioia) hanno deferito in stato di libertà alla locale procura un 45enne. La foto incriminata è stata scattata all'interno del seggio numero 13, allestito presso la scuola "Siani" di via Tagliamonte. All'interno dello stesso seggio, in tarda mattinata, la polizia aveva già sequestrato lo smartphone e la scheda elettorale di un 19enne. Anche il ragazzo è stato denunciato per il "selfie" proibito.

20:27

A Portici alle ore 19.00 la rilevazione dei votanti si è attestata sul 44,27%. Le sezioni dove si è registrato il maggior afflusso sono state la numero 29 (via Roma, Circolo Didattico) dove la percentuale registrata è stata del 51,05, la numero 15 (via Paladino, Liceo Scientifico) con il 49,93% e la numero 28 (via Gianturno, Istituto Enriquez) dove si sono recati alle urne il 48,95% degli aventi diritto. 

19:31

Si attesta al 42,60% il dato dell'affluenza alle amministrative di Torre Annunziata alla rilevazione delle ore 19.00. Sono poco meno di 15mila i cittadini che si sono recati alle urne per scegliere la nuova amministrazione oplontina. C'è tempo fino alle ore 23.00 per poter votare. Alto il numero di duplicati di tessera elettorale emessi fino a questo momento dall'ufficio elettorale centrale del Comune. 

18:00

Piccolo disordine, rientrato dopo qualche ora a Portici. Un elettore ha protestato in un seggio per avere chiesto di rivotare “essendosi  sbagliato”. La persone pretendeva di avere un’altra scheda in luogo di quella usata, e al diniego del presidente di seggio chiedeva che lo stesso venisse rimosso per incompetenza. Immediatamente intervenuti, gli addetti alla sicurezza e i rappresentanti di lista, la questione si è risolta dopo circa un’ora  senza la sostituzione della scheda che è stata regolarmente inserita nell’urna.

17:30

Nella vicina Portici, la rilevazione delle ore 12.00 ha fissato l’affluenza alle urne al 20% dei votanti, pari a 9402 voti su un totale di aventi diritto di 46.904 (di cui 21.854 uomini e 25.050 donne). L’affluenza maggiore, con il 26,57 % era quella della sezione n.28 di Via Gianturco “Istituto Enriquez”,  seguita dal 23,93 % della sezione n.33 di via Roma “Circolo Didattico” e dal 23,79 %  della sezione n.43 di via Dalbono “Scuola Elementare”.

14:00

Arriva la conferma dell'astensione dal voto da parte di Ciro Alfieri. Non ha intenzione di influenzare in alcun modo il pensiero e le intenzioni di voto dei cittadini di Torre Annunziata. 

12:22

Ciro Alfieri e Pierpaolo Telese non voteranno. Se per quest'ultimo la notizia era certa, in quanto non residente a Torre Annunziata, altrettanto non si può dire di Alfieri. Da alcune indiscrezioni, sembrerebbe che il candidato non abbia voluto influire in alcun modo sui cittadini, volendo che siano proprio gli abitanti di Torre Annunziata a dover scegliere in totale autonomia e lontano da ogni tipo d'influenza.

12:05

Accompagnato dalla moglie e dal figlio,  Vincenzo Ascione ha votato nella sezione numero 12, ubicata nel quartiere di Rovgiliano.

12:00

Alle ore 12.00, l'affluenza alle urne al comune di Torre Annunziata ha raggiunto il 18,42% (6445 eventi diritto), in forte aumento rispetto al 2012 quando allo stesso orario si era recato alle urne solo l'11,99% degli aventi diritto, si votata però in due giorni. Prossimo dato alle ore 19.00.

11:55

"No entry, sorry. Election Day". E' quello che si sono sentiti rispondere tre turisti provenienti dalla Germania, i quali avrebbero voluto visitare il Museo dell'Identità, ubicato a Palazzo Criscuolo. Purtroppo, però, Palazzo Criscuolo, in occasione delle elezioni odierne, è diventata seggio elettorale numero 1. Pertanto, ai tre turisti tedeschi è stato negato loro l'accesso: un dipendente comunale ha spiegato loro, con poche semplici parole, che a causa delle elezioni non sarebbe stato possibile visitare il Museo dell'Identità.

11:05

Dalle ore 23.00 segui in diretta lo spoglio delle schede e commenta i risultati. Chi sarà il prossimo sindaco di Torre Annunziata? 

10:05

Fotografa il proprio voto con lo smartphone, un uomo di 61 anni è stato denunciato dai carabinieri. E' accaduto a Baia, frazione di Bacoli, nel seggio di via Lucullo. Il presidente di seggio si è accorto dell'irregolarità avendo udito lo scatto della foto all'interno della cabina, ed è intervenuto annullando la scheda e chiamando i militari. Sequestrato lo smartphone 'incriminato' su cui era visibile la foto della scheda.

10:01

Urne aperte fino alle 23 in 88 comuni campani per l'elezione dei sindaci e dei consiglieri. Nessun capoluogo è coinvolto nella tornata amministrativa: si vota in 70 piccoli centri e in 18 città oltre i 15mila abitanti, tra cui Pozzuoli, Torre Annunziata, Pompei e Portici in provincia di Napoli, Agropoli e Nocera Inferiore in provincia di Salerno, Maddaloni e Mondragone nel casertano. L'eventuale turno di ballottaggio è previsto domenica 25 giugno. Sul piano politico, rispetto alle precedenti comunali, primo banco di prova per diverse nuove liste, da Articolo 1-Mdp a Campania Libera, formazione lanciata dal governatore De Luca. Riflettori puntati anche sul debutto di Dema, il movimento del sindaco di Napoli de Magistris.

09:35

Nel 2012 a Torre Annunziata l'affluenza alle urne fu del 69,33%. Si recarono alle urne 24.745 elettori sui 35.694 iscritti. Sei erano i candidati a sindaco e durante lo spoglio il dato rilevante fu l'elevato numero di schede nulle ben 963.

07:02

COME SI VOTA

Nei Comuni che hanno più di 15.000 abitanti si voterà con una sola scheda, sulla quale saranno già riportati i nomi dei candidati alla carica di Sindaco e, a fianco di ciascuno, il simbolo o i simboli delle liste che lo appoggiano.

Si può votare in tre modi diversi:

Tracciando un segno sul simbolo della lista, assegnando quindi la propria preferenza alla lista contrassegnata e al candidato Sindaco che la lista appoggia.

Tracciando un segno sul simbolo di una lista (eventualmente indicando anche due preferenze per i consiglieri comunali purché si tratti di candidati consiglieri di sesso diverso e appartenenti alla stessa lista) e tracciando un segno sul nome di un candidato Sindaco non collegato alla lista votata: è il cosiddetto “voto disgiunto”.

Tracciando un segno solo sul nome del Sindaco, votando così solo per il candidato Sindaco e non per le liste collegate.

Nei Comuni con più di 15.000 abitanti è eletto Sindaco al primo turno il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi (almeno il 50% più uno). Nel caso in cui nessun candidato ottenga la maggioranza, domenica 25 giugno si terrà un turno di ballottaggio tra i due candidati che hanno ricevuto più voti.

06:54

Tre i candidati alla carica di sindaco si tratta di Pierpaolo Telese, sostenuto da Dema, il movimento che fa capo a Luigi De Magistris, e da altre cinque civiche, Vincenzo Ascione, candidato del centrosinistra vincitore delle primarie e che si presenta sostenuto da Pd, Udc, Alternativa Popolare e altre 4 civiche. Ciro Alfieri, invece, è a capo di una coalizione di 12 liste che vanno da Centro Democratico a Forza Italia passando per i Socialisti.

Sono 34.993 gli elettori chiamati alle urne (seggi aperti fino alle ore 23.00) per eleggere la nuova amministrazione che guiderà la città di Torre Annunziata.

La redazione de Lostrillone.tv seguirà in diretta, con continui aggiornamenti, l'intera giornata e dalle ore 23.00 potrete seguire in diretta live lo spoglio, con risultati, proiezioni e commenti. 


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

vai alle foto