Nuova emergenza al Covid Hospital Boscotrecase. Oltre alle varie polemiche con i sindacati, il presidio diretto da Savio Marziani sta vivendo un periodo di grave carenza di organico. Già nelle scorse settimane si era parlato di una carenza di anestesisti, che ha portato alla chiusura della rianimazione.

Ora altri due reparti sono a rischio. Si tratta di quello di sub intensiva e medicina generale, situato al secondo piano del Sant’Anna-Madonna della Neve, diretto dal primario Pietro Di Cicco.

Mancanza anche di medici qualificati all’interno del Covid Hospital Boscotrecase. “Alcuni sono inquadrati come ‘CoCoco’ –ha riferito il direttore Marziani- Ciò vuol dire che non possono rimanere da soli e devono essere accompagnati da un collega strutturato. Con tale organizzazione non si può garantire la gestione dei due piani. E’ un discorso che ha già investito gli anestesisti e che è un po’ uguale in tutti i pronto soccorso e le Asl d’Italia”.

Poi ha aggiunto. “Grazie all’andamento della curva, per ora, riusciamo a tenere aperto il piano. Ma per ottimizzarlo ci vogliono altre dieci unità. Ma per coprire i sei posti ora disponibili potrebbero servirne anche solo quattro”.

la situazione

il caso