Stazione ferroviaria Eav, Poggiomarino. Il convoglio proviene da Sarno ed è in partenza direzione Napoli. Sono molti i pendolari pronti a tornare a casa. C’è solo un problema, il treno non può partire. Il capotreno intima ad un passeggero - un 35enne di origine marocchine - di indossare la mascherina anti- covid e di esibire il titolo di viaggio. L’uomo rifiuta l’invito. Il treno è già in ritardo di 20 minuti. È necessario l’intervento dei Carabinieri della locale stazione che arrivano su richiesta del capotreno.

I militari procedono al controllo e agli accertamenti. Probabilmente non credono neanche loro ai propri occhi. Perquisito, il 35enne viene trovato in possesso di chiavi e grimaldelli atti allo scasso e di mezzo chilo di sigarette di contrabbando. La perquisizione però continua: vengono rinvenuti e sequestrati una spada (modello “katana”) di 60 cm e 5 coltelli a serramanico. Sequestrata anche una bici elettrica di dubbia provenienza che l’uomo aveva con se.

Il 35enne pendolare è stato denunciato a piede libero e dovrà rispondere di interruzione di pubblico servizio, ricettazione, porto abusivo di armi, possesso di chiavi e grimaldelli.
Il treno è partito regolarmente