Si terrà questo pomeriggio alle 17,30, nella suggestiva cornice di Villa Campolieto ad Ercolano (Corso Resina, 283), un evento-dibattito sui volumi “Cronache Napoletane” e “Il giallo di Renato Caccioppoli” di Jean-Noël Schifano, editi da Colonnese.

Le letture dialogate con l’autore, a cura di Laura Noviello, saranno precedute dai saluti del sindaco di Ercolano Ciro Bonajuto, del responsabile Ente Promozione “Officine Vesuvio” Pasquale Ammendola, del presidente dell’Ente Parco Nazionale del Vesuvio Agostino Casillo, e del presidente dell’associazione “F.o.r.m.a.t. Onlus” Nello Collaro. Interverranno i giornalisti Titta Fiore e Franco Buononato; e i traduttori de “Il gallo di Renato Caccioppoli”: Alvio Patierno, che ha curato la traduzione dal francese; e Roberto D’Ajello che ha invece realizzato la traduzione in napoletano, tratto sperimentale del volume, già premiato da un bel successo di critica e di vendite. L

’incontro, accompagnato da musiche del Settecento eseguite dal vivo, vedrà l’esposizione di alcune opere degli artisti Alfredo Troise e Nello Collaro. L’evento si svolgerà nel pieno rispetto delle norme anti-covid. La partecipazione è libera, fino ad esaurimento posti, con prenotazione obbligatoria (e-mail [email protected]) Cronache Napoletane. Sei storie vere sottratte dagli archivi dormienti e dalle memorie anonime che nascondono gli scandali delle più potenti famiglie del regno di Napoli, dal XV al XVIII secolo. Il principe Carlo Gesualdo, compositore d'imperitura fama, assassino della moglie adultera e del suo amante; Lavinia, la religiosa, e Pier Francesco, le cui follie erotiche mettono a ferro e fuoco il convento di Sant'Arcangelo, luogo di abomini; Masaniello, il lazzarone avvelenato dal potere assoluto e che un popolo in delirio acclama, decapita e venera; Tiberio de Vera; sodomita destinato a esemplare supplizio; Tirinella e Alvise massacrati durante i loro trastulli notturni; la bella e misteriosa Orsola, che mai confesserà il delitto della padrona doña Gaetanina Escobar.