Ercolano aderisce al World Food Programme, l'agenzia dell'Onu che dl 1963 si occupa di cooperazione e di combattere la fame nel mondo, e lo fa coinvolgendo le scuole del territorio. Per suggellare il patto nella mattinata di lunedì 2 ottobre, Ciro Buonajuto, primo cittadino di Ercolano e vicepresidente nazionale dell'Anci, e il prof. Vincenzo Sanasi d'Arpe, presidente di WFP Italia, hanno incontrato nell'auditorium del Mav - Museo Archeologico Virtuale, una rappresentanza degli alunni dell'I.S. Tilgher di Ercolano, del Liceo Classico De Bottis e del Liceo Scientifico Nobel di Torre del Greco.

"Ercolano aderisce al World Food Programme e coinvolge le scuole, perché il nostro obiettivo non è soltanto combattere la fame nel mondo, ma combattere tutte le disparità qui ad Ercolano, nel Meridione e nel Mondo e per farlo c'è bisogno di coinvolgere i più giovani. La battaglia non è soltanto economica, non riguarda solo il cibo per i paesi più poveri, ma è soprattutto culturale e le battaglie culturali le vincono le scuole" - afferma il sindaco Ciro Buonajuto. 

"Sono molto contento che il Comune di Ercolano e il sindaco Buonajuto, abbiano deciso di aderire al nostro progetto e spero che anche altre amministrazioni possano seguirne l'esempio. Questi momenti di confronto e di dialogo, soprattutto con le nuove generazioni, rappresentano un modo senz'altro particolarmente importante per illustrare e far conoscere le attività del WFP e per creare del volontariato attivo" - spiega Vincenzo Sanasi d'Arpe, presidente di WFP Italia.

Durante la mattinata sono stati illustrati i principali progetti che vedono impegnata l'agenzia dell'Onu e gli studenti hanno avuto l'opportunità di rivolgere una serie di domande al presidente Sanasi d'Arpe sulle attività messe in ogni angolo del mondo per combattere la povertà alimentare.

Il World Food Programme (WFP). Il programma alimentare mondiale è l'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di assistenza alimentare e la più grande organizzazione umanitaria del mondo. L'agenzia assiste una media di 100 milioni di persone in 78 paesi del mondo.

Gli obiettivi principali sono quelli di aiutare le persone che non riescono a trovare o produrre cibo per sé e le proprie famiglie. L'agenzia ha la sede centrale a Roma e uffici in diversi paesi del mondo.

Nel 2020 gli è stato assegnato il Premio Nobel per la Pace "per i suoi sforzi nel combattere la fame, per i suoi contributi nel migliorare le condizioni della pace in aree di conflitto e per la sua azione nel prevenire l'uso della fame come arma per promuovere guerre e conflitti".

Sondaggio


Risultati



Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"