Nell’ambito del progetto realizzato da GORI, di “Adeguamento funzionale e completamento del sistema fognario del comune di Ercolano”, grazie al quale sono stati chiusi tutti gli scarichi a mare della rete fognaria cittadina facendoli confluire all’impianto di depurazione di Napoli Est, è stato realizzato un nuovo parco giochi via D’Annunzio. Presso il nuovo punto di aggregazione cittadino, soprattutto per la gioia dei più piccoli, sono state installate giostre, impianto di irrigazione e verde pubblico. GORI, in collaborazione con l’amministrazione comunale ha anche provveduto all’installazione di giochi per bambini nel parco pubblico dell’area ex Macello, restituito nuovamente alla Città. Il progetto di GORI, che prevede anche il completamento della rete fognaria comunale nella zona alta ha portato, quindi, grossi benefici in termini ambientali, senza tralasciare l’importanza degli spazi condivisi.

"In una città con pochi spazi verdi a disposizione di bambini e famiglie, l'apertura di questo parco segna un momento importante - dice il sindaco di Ercolano Ciro Buonajuto-. L'area è attrezzata con giochi per i più piccoli e un'altalena che consente l'utilizzo a bimbi disabili in carrozzina, un segnale di attenzione e integrazione. Il nostro impegno per i più piccoli non si ferma qui: a breve, sempre con la collaborazione di Gori, sarà aperto un altro spazio attrezzato in via Achille Consiglio e, dopo una completa ristrutturazione, verrà riaperto dopo oltre 10 anni il Parco comunale in Piazza Pugliano ".

“Realizzare parco giochi non rientra tra le attività di GORI, ma quella che trasferiamo al Comune è un’area riqualificata ed è la punta dell’iceberg di un’opera importante fatta ad Ercolano che è un collettore fognario con tecnologia moderna - ha sottolineato l'ingegnere Antonio De Cicco, direttore tecnico di servizio per la GORI-  Precisamente tale opera riesce a far convogliare tutti i reflui della città di Ercolano verso il depuratore di Napoli Est. Questo parco giochi insieme a quello dell’area ex Macello vuole dare una sorta di riconoscimento alla città che ci ha sopportato e supportato durante l’esecuzione dei lavori”.

 

vai al video