Un'agressione per futili motivi che rischiava di sfociare nel sangue. È quanto accaduto nei pressi dell'osservatorio vesuviano a quota 800 metri. Vittima un accompagnatore turistico che ha denunciato di aver subito prima un attacco da un uomo, poi delle minacce con un coltello. L'intervento dei carabinieri, giunti sul posto, ha permesso di identificare un 48enne bulgaro residente a Cassino. Gli uomini dell'arma l'hanno perquisito trovandogli addosso un coltello a serramanica ed un manganello di legno.