“Il 30 ottobre verranno nominate le due città vincitrici, e l’opportunità che ci si presenta davanti è unica e irripetibile, non possiamo lasciarcela scappare”. Quasi come ad incitare una squadra, il consigliere comunale di Ercolano, Piero Sabbarese, tiene alta la tensione sull’obiettivo della candidatura della città a Capitale italiana della cultura.

“Oggi – continua – è stata la prima scadenza importante, che ha visto la presentazione ufficiale del progetto che la città di Ercolano merita e a cui sogniamo di dare vita. Ci abbiamo creduto per tutti questi mesi, da quando portai la proposta all’ex assessore Acampora, che poi la fece approvare dalla scorsa amministrazione. E ora continuiamo a crederci in questi pochi giorni che ci separano dal traguardo”.

Inoltre, il consigliere torna su un caso di stretta attualità dicendo: “Ci hanno appoggiato pubblicamente il governatore della Campania Vincenzo De Luca, il cardinale Crescenzio Sepe, e il presidente dell’Anticorruzione Raffaele Cantone. Abbiamo il dovere di dare un messaggio di speranza a tutto il meridione, proprio oggi che per l’ennesima volta è stato screditato da un’autorità nazionale che probabilmente nemmeno conosce le nostre terre”.

Infine conclude: “Ercolano sarà un polo creativo dell’archeologia e un esempio innovativo per il turismo, un modello per la legalità ed un’amministrazione trasparente che passeranno per uno sviluppo locale che pensa globale”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"