È spuntata fuori in un rudere di via Marittima, la pistola calibro nove con serbatoio e 20 cartucce, presumibilmente rubata a Portici nel 2012. La scoperta è stata compiuta dai carabinieri della tenenza di Ercolano, forse giunti lì in seguito a una ‘soffiata’. Fatto sta che nella struttura abbandonata è stata rinvenuta una busta di plastica nella quale c’erano anche un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi di stupefacenti.

Un ritrovamento che per ora potrebbe essere collegato ai clan locali, proprio per la presenza della pistola. Intanto si tratta del quarto episodio analogo nel giro di un mese, anche se per i precedenti si era trattato principalmente di droga, forse custodita da famiglie che da tempo si occupano del ‘settore’ senza vincoli con le organizzazioni malavitose locali.

Per saperne di più i militari stanno aspettando i risultati del Racis di Roma. Analisi determinanti per stabilire – attraverso la perizia balistica – se possa trattarsi di un’arma utilizzata in qualche agguato recente.