L’Eurovision non è paragonabile ad altri Festival europei o mondiali poiché segue regole ben precise, anche per gli outfit. Nessun eccesso; piuttosto look cuciti a pennello su ogni esibizione. Vittoria “politica” per l’Ucraina che si mostra in abiti tradizionali versione pop. Cattura l’attenzione del pubblico la spagnola Chanel, in una audace tutina che ricorda il costume da torero. Pazzesca.

Bellissima la svedese Cornelia Jakobs in top con cristalli, canta la sua Hold Me Closer. I nostrani Mahmood e Blanco, rispettivamente in Prada e Valentino Haute Couture, non si discostano dal vincente gioco di contrasti che abbiamo visto e rivisto sul palco di Sanremo.

Cambio look per Laura Pausini. Dopo una prima serata in monochrome pink, - colore freddo che da sempre le dona - ed una seconda con make-up decisamente too much, ecco che per condurre terza ed ultima semifinale sceglie Versace, optando, questa volta, per un maquillage che le addolcisce il viso.  Con una marcia in più in Alessandro Vigilange fringed sequins long coat.

Non convince la tutina Gucci indossata da Achille Lauro.  Cattelan ancora in Giorgio Armani. Vincitore indiscusso: Mika. Impeccabile e mai noioso nei sui completi Valentino.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"