Falso ideologico e truffa. Sono i due macigni che dal 9 ottobre gravano sulla testa del vicesindaco di Torre Annunziata Gaetano Veltro.

Come riporta il quotidiano Metropolis, Veltro è stato denunciato nel 2016 da una donna di Latina. Allora il vicesindaco non rivestiva cariche politiche ma svolgeva attività di consulenza automobilistica per un'agenzia di Rovigliano. Sarebbe stata proprio una di queste pratiche svolte l'oggetto dell'accusa. Assieme a lui, nel mirino altri due colleghi titolari di altre due agenzie. Il 9 ottobre scorso l’avviso di conclusione indagini per tutti e tre.

Il fatto. La donna ha consegnato un'auto in conto vendita ad uno dei tre, garantendo alla vittima 30mila euro oppure un'altra auto di pari valore in permuta. Un affare mai concluso: secondo l'accusa, la donna di Latina non ha mai ricevuto l'autovettura, tantomeno i soldi.

Secondo le indagini coordinate dal pm Rosa Annunziata, Veltro è ritenuto responsabile di falsa attestazione, nel certificato di proprietà. La firma apposta sul documento è stata disconosciuta dalla donna.

Un'altra firma, ora potrebbe metterla il sindaco Ascione, dando esecuzione alla revoca del mandato di Veltro, la cui poltrona da vicesindaco è fortemente in bilico.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"