Riapre, dopo due mesi di stop da emergenza sanitaria coronavirus, il Mercato di Resina famoso nel mondo per gli abiti usati nel cuore del centro storico di Ercolano, lungo via Pugliano.

Questa mattina alle 8.30 quasi tutti i commercianti hanno aperto bottega, dopo aver eseguito venerdì la sanificazione obbligatoria nei locali e hanno esposto all'esterno i capi d'abbigliamento della stagione primavera - estate. La volontà di ripartire è forte, nonostante le difficoltà economiche che hanno penalizzato l'intero settore e le piccole imprese.

''E' come se oggi stessimo nascendo di nuovo dopo due mesi e mezzo di chiusura'' dice Ciro De Gaetano, presidente della Cooperativa Mercato di Resina che raggruppa nove commercianti con l'obiettivo di valorizzare il vintage anche attraverso progetti di rilancio della moda.

''La chiusura per noi ha significato crisi profonda come per tutti i settori, penso in particolare a quello degli ambulanti di cui non si sta parlando. Si è parlato di estetica, parrucchieri, alberghi ma di piccole imprese dell'abbigliamento o di lavoratori impiegati nelle fiere o nei mercati itineranti non se ne sta parlando. Eppure questo è un settore che dà da vivere a tante famiglie. Da due mesi e mezzo abbiamo fatto richiesta di cassa integrazione e aspettiamo. Abbiamo messo su la cooperativa otto anni fa per dare un input di legalità al Mercato e oggi a causa della crisi stiamo facendo tantissimi sacrifici ma non ci arrendiamo. Noi vorremmo fare dei progetti con la Regione Campania, progetti per far riavvicinare i clienti di un tempo al mercato storico, riprendere ciò che abbiamo lasciato in sospeso qualche anno fa come il Festival del Vintage, oppure Resina by Night che in passato abbiamo realizzato con fondi nostri coinvolgendo le scuole proprio per avvicinare i più giovani alla passione per la moda''.

E a proposito di Resina by Night De Gaetano ha un desiderio: ''Sarebbe bello se alla prossima edizione di Resina by Night potesse partecipare Mara Venier, che io ricordo da ragazzino quando veniva qui a scegliere stoffe e abitini colorati. Noi tutti in via Pugliano ricordiamo con affetto 'zia Mara' e saremmo onorati se lei accettasse di partecipare all'evento in qualità di madrina''.