La Givova Fiamma Torrese torna a sorridere, travolta l’Europea 92 Isernia.

Parte in ritardo la Fiamma nel primo set costretta a rincorrere le avversarie che vengono raggiunte sul pari 5, poca differenza in campo tra le compagini che alternano colpi vincenti fino al doppio vantaggio delle ospiti (9-7) che obbliga coach Salerno a chiamare un time out discrezionale. Si rientra in campo con Isernia ancora in leggero vantaggio ma la GIVOVA inizia a macinare gioco e agguanta la parità (13-13). Sono le isernine questa volta ad essere richiamate in panchina per organizzare una difesa contro la rimonta delle padrone di casa. Si rientra sul terreno di gioco ed assistiamo alla reazione energica di capitan Sollo e compagne che tengono testa alle ospiti e le sorpassano sul 18 a 17. Secondo time out per Isernia che non sortisce l’effetto desiderato, la Fiamma ingrana la quarta ed entra nel corridoio di fine set (21-17) per concluderlo dopo poco con il punteggio di 25 a 18. Buon inizio di secondo set per la GIVOVA che riesce a tenere a distanza di sicurezza le avversarie, il gioco delle oplontine diventa più fluido ed il divario aumenta (15-10) a seguire un time out discrezionale della panchina ospite. Questa sera la Fiamma riesce a perforare la difesa avversaria senza dar loro possibilità di replica e sul 22 a 16 le ospiti tornano in panchina per tentare di arginarne il gioco. Reazione che non arriva ed anche il secondo parziale se lo aggiudica la GIVOVA con il medesimo punteggio del primo (25-18). Anche il terzo set vede un buona partenza delle padrone di casa, le isernine appaiono frastornate e tentano di restare in scia ma sul 12 a 6 la panchina ospite è costretta a chiamare time out. Troppo evidente la differenza tra le due formazioni e questa sera la marcia in più è della Fiamma che chiude set e gara con il punteggio di 25 a 19 nonostante i tentativi di rientrare in partita di Isernia.

“Una vittoria frutto della concentrazione e di una buona difesa – ci dice coach Salerno a fine gara – ci siamo riproposte di lavorare a testa bassa e lasciare poco spazio alle divagazioni. Abbiamo recuperato anche dal punto di vista fisico come ci aspettavamo i risultati sono venuti e ne sono felice per la società ed il gruppo”