“Non permetterò che il vostro nome venga dimenticato”. Dopo la fine della conclusione delle indagini sulla morte di Maurizio Cerrato, la vedova Tania Sorrentino ha espresso il suo pensiero con un post su Facebook.

Le quattro belve che misero fine alla vita del marito, per motivi di parcheggio lo scorsi 19 aprile a Torre Annunziata, davanti agli occhi della figlia di Maria Adriana, saranno presto a processo e rischiano l’ergastolo.

Ma la vedova Cerrato non dimentica l’omertà che c’è stata attorno all’omicidio del compianto marito. “Ora iniziano le danze. Qui si parla di quattro belve, ma si dimentica troppo spesso il nome di Rosa Scaramella che assieme a suo fratello ha dato inizio a tutto questo dopo aver aggredito una ragazza di vent’anni. Si dimenticano i nomi di Alessandro e Pierluigi Savarese (i proprietari del garage del delitto ndr), che oltre a non far nulla per difendere un innocente hanno cancellato le prove e tentato di aiutare gli assassini a farla franca. State sereni non permetterà che il vostro nome venga dimenticato”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"