Jorit Agoch e gli altri due street artists fermati ieri dalla polizia israeliana a Betlemme sono stati messi in libertà. Lo si apprende dal vice sindaco del Comune di Quarto dove Jorit risiede con la famiglia, Giuseppe Martusciello. Da quanto si apprende, il rilascio dei tre giovani (con Jorit un altro ragazzo italiano e un palestinese) è stato subordinato dalle autorità israeliane a un provvedimento di espulsione dal Paese.

 Jorit Agoch, lo street artist di origini olandesi, era stato fermato nella giornata di sabato 28 luglio con l'accusa di aver "danneggiato e imbrattato la Barriera di difesa nella zona di Betlemme", dove aveva dipinto un murale in omaggio all'attivista 17enne palestinese Ahed Tamimi che proprio oggi ha riacquistato la libertà dopo otto mesi di detenzione in Israele con l'accusa di aver schiaffeggiato un soldato delle forze di difesa israeliane.

 

Finisce così un incubo durato circa 24 ore, un incubo di cui Jorit era consapevole. Per lui e i suoi due colleghi solo tanta paura e l’espulsione dallo stato d’Israele.

vai al video

l'arresto di jorit