Sul loro tragitto hanno trovato un posto di blocco. Hanno deciso di non fermarsi rischiando di investire due carabinieri.

Dovranno rispondere di resistenza a pubblico ufficiale e possesso di armi due giovani di Scafati di 17 e 20 anni che hanno seminato il panico in tutto il vesuviano nel marzo scorso e che ora andranno a processo.

Entrambi, a bordo di un'autovettura, non si fermarono all'alt dei carabinieri, cercando poi di investire i militari che avevano tentato di bloccarli. Dopo un inseguimento, i due furono rintracciati e denunciati per resistenza a pubblico ufficiale oltre ad avere, nelle proprie disponibilità, un tirapugni e un coltello.

Per i militari, come ricostruito poi dalla Procura di Torre Annunziata, quella fuga, avrebbe nascosto dell’altro. Secondo i carabinieri durante l’inseguimento i giovani avrebbero gettato per strada un involucro di stupefacenti, mai più ritrovato.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"