Folle inseguimento per sfuggire a un posto di blocco. La polizia ha arrestato due fratelli: N.E. di 22 anni e suo fratello di tre anni più piccolo, entrambi di San Gennaro Vesuviano.

Durante un servizio di controllo, gli agenti del commissariato di Nola, nel transitare sulla rampa di uscita dell’asse di supporto Nola-Villa Literno in direzione San Vitaliano hanno notato due giovani a bordo di uno scooter che, alla loro vista, hanno accelerato la marcia per eludere il controllo.

Ne è nato un inseguimento nel corso del quale il motoveicolo ha proseguito la sua corsa effettuando manovre pericolose per la circolazione stradale fino a quando il conducente ha perso il controllo del mezzo impattando contro la volante ma, nonostante l’urto, ha ripreso la marcia riuscendo a far perdere le proprie tracce mentre il passeggero è rovinato a terra.

Durante il controllo, un ragazzo a bordo di una bici si è avvicinato agli operatori affermando di essere un parente del giovane fermato ma è stato riconosciuto dai poliziotti come il conducente dello scooter che poco prima si era dato alla fuga.

I due sono stati quindi arrestati per resistenza a Pubblico Ufficiale e denunciati per danneggiamento aggravato.