Nel pomeriggio dello scorso venerdì  un giovane, a bordo di un motociclo Honda Sh 300 di colore nero, circolava sulla Tangenziale di Napoli senza fare uso del casco protettivo. Intercettato da una pattuglia impegnata per un servizio di vigilanza stradale, gli è stato  imposto l’alt con il segnale mobile in dotazione alle forze dell’ordine ma il centauro ha proseguito  la marcia sino ai caselli di “Agnano”, dove si è fermato ad una pista riservata al pagamento automatico del pedaggio. In tale circostanza, gli è stato  indicato di arrestare la marcia dopo i caselli, lungo il margine destro della carreggiata ma l’uomo,  R.E. 25enne pregiudicato residente nel rione Traiano, dopo aver deriso gli agenti, ha simulato di fermarsi per invertire repentinamente la marcia percorrendo contromano la carreggiata, creando il panico nei conducenti che uscivano dalle piste “Telepass” secondo il regolare flusso di circolazione.

A quel punto  il centauro si è immesso in un by pass dirigendosi nuovamente  in Tangenziale in direzione Capodichino per poi uscire ai  caselli di Fuorigrotta riuscendo a dileguarsi nonostante la pattuglia lo stesse inseguendo.

A seguito di indagini eseguite dalla Sottosezione Autostradale  della Polizia Stradale di Fuorigrotta, alle dipendenze della Sezione della Polizia Stradale di Napoli, il centauro è stato identificato.

A pochi giorni di distanza dal folle gesto, che aveva visto sette giovani ragazzi percorrere contromano la Tangenziale per sottrarsi a un controllo da parte di una pattuglia della Polizia Stradale, gli investigatori hanno individuato l’autore di questa grave condotta in tempi strettissimi, stroncando quello che potrebbe essere  un  gesto emulativo e di ribellione sociale.

Pertanto, R.E. è stato  sanzionato per tutte le violazioni al C.d.S. emerse a seguito della condotta tenuta alla guida del motociclo : art. 171/1°-2° C.d.S. (circolazione senza fare uso del casco protettivo); art. 192/1°-6° C.d.S. (non aver ottemperato all’ALT imposto dagli agenti); art. 176/1° a) e 19°-22° C.d.S. (inversione del senso di marcia in autostrada); art. 176/1° a) e 19°-22° C.d.S (circolazione contromano); art. 116/15° bis C.d.S. (circolazione con patente di categoria diversa);  art. 193/2° C.d.S. (circolazione con veicolo privo di copertura assicurativa);  art. 176/1° a) e 19°-22° C.d.S. (attraversamento di spartitraffico in autostrada); l’art. 141/3° e 8° C.d.S. (circolazione a velocità non commisurata) e l’art. 176/2° e 21° C.d.S. (cambio di direzione non segnalato).

Il proprietario del veicolo, invece, è stato  sanzionato per la violazione dell’art. 213/8° C.d.S. (per aver consentito la circolazione del veicolo sottoposta a sequestro amministrativo) ed art. 116/14° C.d.S. (per incauto affidamento del veicolo).

Tali violazioni  hanno determinato quattro fermi ed un sequestro amministrativo del veicolo, tre  sanzioni accessorie di revoca della patente di guida a carico del centauro, la decurtazione di 20 punti dalla patente di guida  ed un ammontare complessivo delle sanzioni amministrative pari ad euro 10.771.

vai al video