A lezione di democrazia diretta con Danilo Cascone.

“Gli strumenti di Partecipazione Popolare” diventano occasione in questo periodo di clausura forzata causata dalla emergenza “coronavirus” per un approfondimento e arricchimento su tematiche che interessano tutti i cittadini e per acquisire nuove conoscenze attraverso una vera e propria lezione via internet di Danilo Cascone ex consigliere comunale del Movimento 5 Stelle al Comune di San Giorgio a Cremano.

L’idea dell’incontro nata all’ex consigliere che si è chiesto varie volte come fare per portare avanti progetti per la città. Cascone ha parlato in diretta di Referendum consultivo, abrogativo, propositivo, di petizioni con le classiche raccolte firme, di proposte, di disegno di legge di iniziativa popolare, delle consultazioni, di tavoli di concertazione, di  bilanci partecipativi, di Politiche Sociali, di piano anticorruzione, di istanze e di l TUEL questo misterioso acronimo da sempre sentito in aula e mai veramente capito che va a raggruppare tutte le norme riguardanti gli Enti Locali e specifica gli strumenti di partecipazione diretta utilizzabili dal cittadino e altri strumenti che afferiscono alla democrazia partecipativa.

L’ex consigliere ha sviluppato una serie di concetti e un confronto su diversi aspetti cruciali della partecipazione alla cosa pubblica, arricchito da un collegamento diretto con il Consigliere Comunale del M5S di Piano di Sorrento Salvatore Mare per capire per esempio se nel suo Comune questi strumenti vengono utilizzati e se i cittadini ne sono a conoscenza.

Secondo Cascone infatti il problema c’è e scaturisce proprio dalla limitata informazione dei cittadini sull’uso degli strumenti che gli si offrono per presentare proposte e idee alla Amministrazione Comunale escludendosi così in pratica dalla vita politica attiva e amministrativa della città.

Un riferimento di Cascone al proprio Comune di appartenenza lascia intravedere la regolarità dei binari su cui viaggia l’amministrazione di San Giorgio in quanto sembra essere dotata di tutti gli strumenti giuridici a partire dallo statuto costitutivo che prevede e disciplina le forme di partecipazione democratica diretta in maniera agevole.