Palermo vive in un tempo sospeso, fatto di profondo sud, di tradizioni indisturbate, di bellezza palpabile, di cultura. 

Al mattino si è già catapultati nei ritmi (calmi) della vita cittadina; profumo di brioches calde, rigorosamente col tuppo, si spande fra i vicoli intorno alla Cattedrale

Cominciate la giornata con una tipica colazione siciliana a base di granita di gelsi, per i più golosi un ricco gelato al pistacchio o magari degli ottimi cannoli, scelta mai banale!

Se siete mattinieri fate subito un salto sui tetti della Basilica; vi toccheranno bel un po’ di gradini ma ne varrà la pena. La vista è mozzafiato. 

Suggestivo il tour serale

Proseguite in direzione Quattro Canti, dove si incontrano i quartieri storici della città.

A pochi passi troverete la fontana “della Vergogna” in piazza Pretoria; fate una pausa per leggerne le curiosità. 

Se, invece, desiderate ammirare l’autentico Barocco palermitano preparatevi a strabuzzare gli occhi innanzi ai tesori stilistici della chiesa all’interno del complesso di Santa Caterina d’Alessandria

Per un momento all’insegna del gusto e della tradizione fate tappa al mercato Ballarò, “erede di un autentico Suq”.  Immergetevi nella calda (in tutti i sensi) atmosfera del luogo, tipica - non solo - dei mesi estivi. Palermo è meta turistica tutto l’anno. 

Ascoltate le cantilene dei venditori. Procedete “a naso” facendovi strada tra i numerosi banchi ricolmi di leccornie. Assaggiate. Panelle, stigghiole o le più tradizionali arancine.

Dopo aver appagato la gola suggeriamo di proseguire la visita in direzione Cappella Palatina - Palazzo dei Normanni, uno dei monumenti simbolo di Palermo o, in alternativa, di concedervi un tuffo rigenerante nelle acque cristalline di Mondello, a soli 20 minuti di taxi (30€ tariffa fissa) o di autobus, dal centro città. 

Tip: per chi fosse ancora affamato, consigliamo il bar Touring (lungomare di Mondello) con le sue “arancine bomba”. Imperdibili!

Per finire - la nostra esperta consiglia - un aperitivo, con annessa camminata, lungo la via Maqueda. Un turbinio di gente chiassosa e localini che si susseguono, l’uno dopo l’altro, in un clima vivace; o, ancora, un dopocena in via Chiavettieri

Lasciamo, così, Palermo, ancora pregni della sua trasudante bellezza; impressionati dal fermento culturale che la attraversa.

Molteplici sono i progetti e le iniziative sociali attivi sul territorio.

Innumerevoli le librerie che costellano il centro; Palermo può definirsi - senza alcun dubbio - una città che legge.

Degne di nota le proposte dell’associazione ALAB la quale, in sinergia con altri enti, pone l’accento sulla riqualificazione urbana ed, in particolare, del Centro Storico grazie a laboratori d’arte e artigianato.

L’obiettivo è: “diffondere cultura dando vita ad una rete diffusa di microeconomia formando coloro che ricercano nel fare un'alternativa concreta”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"