Aveva distrutto la cappella della stazione Ferroviaria di Torre Annunziata Centrale, rubando arredi sacri per un valore complessivo di 2mila euro.

Nella serata di ieri la polizia ferroviaria di Torre Annunziata, in esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dal gip oplontino, ha proceduto all’arresto di P.S., originario della provincia di Salerno.

L’uomo è gravemente indiziato per i reati di furto con violenza. Le indagini della polfer di Torre Annunziata, e coordinate dalla procura, sono partite dopo i fatti avvenuti nel corso della notte tra il 25 e il 26 agosto.

P.S. aveva portato via un tabernacolo in oro, un calice, una pisside e una patena, la lampada votiva per il Sacrissimo Sacramento, tre lucerne in ottone e altri oggetti di valore.