Un incontro per fare chiarezza sul futuro dell’ospedale di Boscotrecase. Nelle ultime ore le varie sigle sindacali hanno chiesto di poter mettere in piedi un summit con la direzione strategica dell’Asl Na 3 Sud e con quella sanitaria del presidio Sant’Anna-Madonna della Neve.

Il motivo è capire quali saranno le prossime mosse. Nell’ultimo periodo c’è stato un aumento dei casi e la riapertura della Subintensiva 2. In più ci sono altri 40 posti letto che sono pronti per essere riattivati in attesa del personale medico.

Ma le varie sigle sindacali vogliono capire se c’è possibilità di riconvertire anche parte della struttura per i casi non dedicati al Covid. Da chiarire anche la posizione del direttore sanitario Savio Marziani, che dopo le sue dimissioni è stato richiamato d’urgenza dalle ferie per riorganizzare il lavoro.

Attualmente la situazione a Boscotrecase è piuttosto tranquilla. Ci sono 33 posti occupati di cui 20 in subintensiva, 12 in pneumologia e 1 in terapia intensiva.