“Ci mettiamo sempre la faccia a fianco dei nostri pizzaioli” dichiara Rosario Lopa il Portavoce della Consulta Nazionale per l’Agricoltura a margine della Giornata Mondiale della Pizza del 17 Gennaio in cui si festeggia Sant’Antonio Abate protettore dei fornai e dei pizzaioli.      

Nessun falò per le strade e nelle piazze quest’anno come si usava nella tradizione secolare quale simbolo di purificazione dai terribili morbi, a causa dell’emergeanza covid che impedisce la  gioia di assistere allo scoppiettio delle fiamme per cui  i festeggiamenti in onore di S. Antonio Abate sono limitati al solo rito religioso. Ma il fuoco, resta sempre un elemento primario importante ieri come oggi perché oggi  lo è per i  pizzaioli capaci di capire come usarlo assieme all’acqua e  la farina per preparare una vera pizza napoletana di tradizione, alimentata dal  profumo del legno.        

Lopa ricorda che  la pizza è uno dei piatti simbolo della gastronomia italiana, sintesi della Dieta  Mediterranea che ha ottenuto l’onore del marchio comunitario STG (specialità tradizionale garantita) oltre che  entrare a far parte del patrimonio dell’Unesco  mentre  l’arte dei pizzaioli  napoletani fa parte ormai del  patrimonio immateriale dell’umanità.  

Immensa la fantasia e la discrezione  dei pizzaioli napoletani che farciscono le loro pizze  con il  meglio della cucina classica napoletana tra cui  fiordilatte, ricotta, polpettine, mozzarella, salsiccia e salame piccante. “La leadership nazionale nel vasto panorama della gastronomia popolare di qualità, con valore storico, culturale  economico e sociale decreta la  valorizzazione della pizza napoletana  -  dichiara Rosario LOPA - Questa giornata sancisce in maniera forte che la valorizzazione delle metodiche di   lavorazione dei nostri pizzaioli rappresenta un valore indiscutibile del prodotto, sintesi della dieta mediterranea. 

Oggi ancor sempre più bisogna ribadire l’unione e l’aggregazione di tutti i componenti del comparto pizza per far si che  la pizzeria del territorio campano diventi non solo presidio di cultura enogastronomica ma anche di legalità.    Noi  come sempre ci mettiamo la faccia a fianco dei nostri pizzaioli  “


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"