“Il video virale che sta impazzando sui social network, mostrando un giovane bullizzato e costretto da alcuni coetanei a infilarsi in un cassonetto per la raccolta dei rifiuti nel quartiere di Scampia a Napoli, è una barbarie inaccettabile. E purtroppo non è un caso isolato” è quanto afferma Mimmo Falco, presidente del Comitato regionale per la comunicazione della Campania (Corecom).

"Monitorando i canali multimediali è molto facile imbattersi in immagini simili. Derisione, scherno, sopraffazione, ma spesso anche violenza nei confronti di chi è debole, indifeso, emarginato. Ci troviamo di fronte a una nuova ondata di episodi di bullismo e cyberbullismo che deve essere arginata al più presto" aggiunge Falco secondo il quale "occorre stringere un nuovo patto sociale tra famiglie, scuole, istituzioni locali, forze dell'ordine e professionisti per dare vita a campagne di prevenzione capillari e mirate".

"Il Corecom Campania, che con l'ausilio del Consiglio Regionale, dell'Autorità per le Comunicazioni, la Polizia Postale e le forze dell'ordine territoriali, ha promosso in questi anni diverse iniziative che hanno coinvolto migliaia di studenti, insegnanti, genitori e tutti i protagonisti della rete sociale dei comuni campani, è pronto a fare la propria parte ancora una volta. Dobbiamo far comprendere ai nostri ragazzi la gravità di queste azioni, le ripercussioni che le stesse avranno sulle loro vite ma soprattutto l'importanza di non lasciare solo chi è in difficoltà e di denunciare. Bullismo e cyberbullismo possono essere sconfitti, ma serve l'impegno di tutti" conclude Falco.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"