Vincenzo Palumbo aveva il porto d'armi per la caccia e un porto d'armi per uso sportivo ma non per la difesa personale.

Emergono nuovi particolari sul camionista di 53 anni accusato del duplice omicidio volontario di Giuseppe Fusella e Tullio Pagliaro, i due giovani di 26 e 27 anni, di Portici uccisi a colpi di pistola la notte tra giovedì 28 e venerdì 29 ottobre scorsi, a Ercolano

La scoperta è stata fatta dai carabinieri e dalla Procura di Napoli, nell'ambito delle indagini sulla morte dei due ragazzi. Secondo le norme italiane in materia d'armi, la licenza per uso sportivo consente di caricare l'arma da fuoco e sparare solo al poligono di tiro. In casa deve essere scarica come lo deve essere anche durante il tragitto predeterminato verso il poligono di tiro.

E domani sarà il giorno dei funerali. Sarà l'arcivescovo di Napoli, don Mimmo Battaglia, a celebrare il rito. Le esequie prenderanno il via alle 15.30 nella Chiesa di San Ciro a Portici. Le salme giungeranno alle 14, per la camera ardente.

Il sindaco di Portici, Vincenzo Cuomo, ha proclamato il lutto cittadino. Intanto oggi, alle 16, nel Secondo Policlinico di Napoli si terranno gli esami autoptici: i sostituti procuratori di Napoli Luciano d'Angelo e Daniela Varone, secondo quanto si è appreso, Varone dovrebbero chiedere il rito immediato nei confronti del camionista che ha chiamato i soccorsi 26 minuti dopo avere esploso 11 colpi all'indirizzo sulla vettura a bordo della quale c'erano i due ragazzi, morti quasi subito in quanto raggiunti alla testa dalle ogive.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

l'omelia

Il fatto

Le scuse

Lo sgomento

Il ricordo di Tullio

Il lutto

la ricostruzione

il dolore

La morte