La trasmissione del video che ritrae il momento in cui Giuseppe Fusella e Tullio Pagliaro vengono colpiti e perdono la vita è stato il momento più drammatico dell'udienza del processo che si è tenuta oggi a carico di Vincenzo Palumbo, l'autotrasportatore di 53 anni accusato dalla Procura di Napoli (sostituti procuratori di Napoli Luciano D'Angelo e Daniela Varone) del duplice omicidio volontario dei due ragazzi di Portici, assassinati la notte tra il 28 e il 29 ottobre 2021 nella vicina Ercolano.

E' stata incentrata sui rilievi eseguiti dai carabinieri di Torre del Greco e del Ris l'udienza, iniziata circa un'ora dopo l'orario prefissato a causa di un cancello bloccato, in carcere, che ha ritardato il trasferimento dell'imputato. Consapevoli del dolore che avrebbero rivissuto i familiari di Pagliaro (difesi dall'avvocato Maurizio Capozzo) e quelli di Fusella (rappresentati dall'avvocato Gennaro Bartolino) hanno scelto di disertare l'udienza. E infatti quelle immagini, indubbiamente terribili, hanno consentito di appurare, secondo gli investigatori, che la Fiat Panda a bordo della quale c'erano Giuseppe e Tullio, è stata raggiunta più volte dai colpi sparati da Palumbo il quale, ai carabinieri, ha sempre riferito di avere usato la violenza perché aveva scambiato i giovani per dei ladri. Dichiarazioni, le sue, che però non trovano conferma: disse che si era attivato l'allarme dell'antifurto, subito dopo avere sentito dei rumori provenire dalla proprietà. Ma finora non ci sono elementi che avvalorano questa tesi


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"