Sono due le persone messe in stato di fermo dalla Dda di Napoli per l’omicidio di Nicholas Di Martino, il 17enne ucciso domenica sera in via Vittorio Veneto a Gragnano.

Si tratta del ventunenne Ciro Di Lauro e nel ventenne Maurizio Apicella. Secondo gli inquirenti sono scoppiate almeno due liti, che hanno preceduto l’uccisione del giovane gragnanese, nipote del boss Nicola Carfora, e al ferimento dell'amico Carlo Langellotti.

Entambi sono a disposizione della Procura e sono stati associati presso la Casa Circondariale di Napoli - Secondigliano.  
 

il raid

I dettagli

L'agguato