Gragnano Hub “scarica” Paolo Cimmino. Era nell’aria da tempo ma ora è arrivata l’ufficialità. Dopo le dimissioni di Nello D’Auria da vicesindaco di Gragnano, il gruppo è rimasto in silenzio, aspettando il momento opportuno per chiarire la sua posizione.

Cinque anni fa fu la lista che ottenne più preferenze, mandando ben tre consiglieri tra i banchi della maggioranza. E ora, dopo l’ufficializzazione della candidatura di D’Auria a sindaco, il gruppo ha deciso di lasciare la maggioranza e proseguire il suo percorso con il leader di “Officina Futuro”.

“Una scelta consequenziale e coerente, in un percorso che ci ha visti insieme in questi anni con un obiettivo comune e costante, fare il bene della città – hanno spiegato in una nota congiunta Luca De Riso, Francesco Scala e Sara Elefante -. Ciò non toglie che, nel rispetto del ruolo affidatoci nel 2016, continueremo a dare il nostro contributo istituzionale all’attuale amministrazione, nelle Commissioni e in Consiglio Comunale. Qualora ci fossero provvedimenti che avessero bisogno del nostro supporto, saremo pronti a dare una mano. Non ci tireremo mai indietro, lo dobbiamo alla gente, ai cittadini di Gragnano”.

Il gruppo ha poi ringraziato il sindaco Paolo Cimmino: “Siamo orgogliosi dei risultati raggiunti in questi anni con lui e la giunta e rivendichiamo con forza i tanti obiettivi conseguiti”. Poi la motivazione della loro scelta: “In questi anni abbiamo ritenuto che Gragnano avesse bisogno di una fase di normalizzazione, di continuità ed efficienza amministrativa. Quella fase è terminata, oggi è tempo di cambiare marcia, di lavorare su un progetto diverso e innovativo per la nostra amata Gragnano, un progetto frutto di una visione originale che sappia sfruttare le opportunità che il Recovery Fund offre al nostro territorio”.

E per Gragnano Hub il cambio di passo si può ottenere con il sostegno a Nello D’Auria: “Crediamo che sia l’unica personalità politica capace di dare a Gragnano quella nuova prospettiva di cui ha davvero bisogno. Il nostro gruppo nasce da un progetto – hanno concluso - cresciuto con il tempo e arrivato ad un punto di svolta oggi. La verità è che non ci siamo mai fermati. I nostri motori sono sempre accesi e l'“officina” è sempre aperta, con il sogno di una città migliore”.

cimmino bis

l'alleanza