“Almeno 30 i negozi chiusi in via Vittorio Veneto che da sempre era identificata come la via dello shopping. Ora resta soltanto tanta tristezza percorrendo un deserto piuttosto che un centro cittadino”.

Queste le parole di Patrizio Mascolo, consigliere d’opposizione dell’Amministrazione Cimmino. “Poca attenzione rivolta ad un settore basilare per l'economia locale – continua - ancor più grave non aver unito i commercianti in un'associazione per poter avere un confronto più rapido con gli addetti ai lavori”.

“La nostra idea di base è ridare lustro alla strada che ha accolto centinaia di migliaia di giovani, famiglie, bambini e anziani. Via Veneto dovrà riprendere il suo ruolo di via dello shopping”.

Per Mascolo il modello a cui ispirarsi è quello di Cava de Tirreni: “Una lunga passeggiata che andrebbe a collegarsi con via Roma attraverso il punto di snodo dell'ex scalo merci – conclude - Da qui si passerebbe, quindi, nel centro storico di Gragnano che, sul modello di Cava de Tirreni, dovrebbe ospitare il cuore dell'enogastronomia, con la realizzazione di marciapiedi che garantirebbero un percorso pedonale sicuro per vivere veramente la nostra città”.