Ripristinati gli uffici del Giudice di Pace a Gragnano. Riprende vita così un presidio della legalità in una comunità, quella dei Monti Lattari, foriera di avvocati di grande reputazione.

All’appuntamento erano presenti, tra gli altri, tutti i sindaci del comprensorio e Alessandro Pennasilico, procuratore di Torre Annunziata, nonché il ministro Orlando.

Le spese di gestione sono state previste in circa 230mila euro annuali, di cui 156mila per il personale dipendente assegnato e 74mila per l’utilizzo e la manutenzione dei locali. Il progetto vede insieme sei comuni dei monti Lattari: oltre a Gragnano, infatti, forniranno personale e contribuiranno alle spese anche Agerola, Casola di Napoli, Lettere, Pimonte, Sant’Antonio Abate e Santa Maria la Carità. Già sono stati individuati i giudici onorari addetti all’ufficio: si tratta di Cira Di Somma (nominata dal Consiglio superiore della magistratura), Celeste Giliberti e Franca Lettieri (provenienti dal tribunale di Torre Annunziata).

vai al video