Scuole chiuse ancora per una settimana e una lettera al Prefetto di Napoli per spiegare la situazione. 

È la decisione annunciata dal sindaco, Nello D'Auria, che lascia tutti gli alunni in didattica a distanza fino al 22 gennaio e annuncia che faranno lo stesso i suoi colleghi. Da Castellammare a Sant'Antonio Abate gli alunni potrebbero quindi restare ancora a casa.

Spiega D'Auria: "Sono settimane e giorni intensi, questi ultimi e lavoriamo senza sosta per contenere il virus. Un momento complesso per la nostra comunità che affronta un andamento del contagio senza precedenti. Nonostante la campagna vaccinale, il centro tamponi che giorno per giorno si rivela un’eccellenza al servizio anche dei comuni vicini, la curva epidemiologica registra numeri che non ci consentono di abbassare la guardia.

Stamattina con i funzionari preposti, e dopo incontri organizzativi con le scuole e i laboratori di analisi resisi disponibili, avevamo messo tutto a punto per ripartire con la didattica in presenza da lunedì prossimo, con la possibilità per tutti gli alunni delle classi del primo ciclo (infanzia, primaria e medie inferiori) di effettuare tamponi rapidi gratuiti presso le scuole già domani e sabato, secondo un calendario che avrei diffuso stamattina stessa (Iniziativa "Scuola Sicura").

Ma l'aumento esponenziale dei casi di positività che cresce senza sosta; i problemi dell’hackeraggio del sistema informatico dell'ASL NA 3 Sud, i disagi dell'intero territorio distrettuale nella rilevazione e nel tracciamento dei positivi e le crescenti difficoltà dei dirigenti scolastici nel poter prevedere un'organizzazione efficace a causa delle assenze di personale docente e ATA in isolamento e/o in quarantena, sono aspetti di cui, la mia responsabilità di Sindaco deve necessariamente tenere conto".


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"