Grande Progetto Sarno: altre 600 immissioni nel fiume da verificare attraverso attività di campo.

Proseguono i controlli sul fiume con l’obiettivo di fermare gli sversamenti lungo il bacino idrografico del Sarno.

Nell’ambito degli accordi con il NOE, sono state individuate circa 600 immissioni di attività umane all’interno del corso d’acqua da verificare mediante specifica attività di campo. Ad oggi risultano investigati circa 37 Km di corsi d’acqua e canali secondari, su cui è stata verificata la presenza di circa 134 immissioni o altre criticità ambientali.

Con un’interrogazione presentata dalla senatrice Virginia La Mura, sono state messe sotto la lente d’ingrandimento una serie di osservazioni sulla Valutazione di Impatto Ambientale del nuovo Gps, cui la regione Campania si sarebbe dovuta attenere. “Così non è stato – ha affermato la senatrice -. Infatti il nuovo Progetto prevede nuove opere altrettanto impattanti per l’ambiente. Purtroppo su questo punto ci si dovrà confrontare con la Regione in quanto ha la competenza sul Progetto e intervenire una volta riscontrate le criticità del procedimento. Con i comitati e i cittadini vigileremo attentamente affinché non ci siano ulteriori danni per un territorio già massacrato e che deve essere sottoposto ad un Progetto che prevede opere quantomeno discutibili”.

L’Autorità di Bacino ha comunicato la produzione dei seguenti primi elaborati: un atlante della caratterizzazione fisico ambientale territoriale e quadro degli interventi in corso; schede ricognitive trasmesse agli Enti e riscontrate; prima identificazione di misure anche attraverso la predisposizione di schede specifiche per Comune; schede attività di sopralluogo.

“Il lavoro per la definizione del Master Plan avanza - conclude La Mura -. Stessa cosa per il Grande Progetto Sarno e le relative opere su cui tutti dobbiamo prestare massima attenzione. L’obiettivo è quello di definire e programmare uno scenario di misure insieme agli enti locali e declinare un piano di azioni da realizzare in base alle priorità”.