Il Condominio viene considerato soggetto fiscale a tutti gli effetti. Per tale ragione allo stesso è attribuito un codice fiscale che lo identifica e lo qualifica sia nei rapporti attivi che in quelli passivi, nonché nelle procedure giudiziarie.

L’amministratore di condominio, al momento della costituzione del condominio, deve chiedere all’ufficio dell’agenzia delle Entrate territorialmente competente l’attribuzione del codice fiscale; ciò avviene mediante la compilazione del modello AA5/6.

È bene precisare che il codice fiscale, identificativo del condominio, resta invariato nel tempo anche quando si procede alla nomina di un nuovo professionista.

IL CONDOMINIO SOSTITUTO D’IMPOSTA

Il Condominio è sostituto d’imposta e, pertanto, è tenuto ai seguenti adempimenti fiscali:

  • Effettuare e versare con il modello F24 le ritenute d’acconto;
  • Rilasciare le relative certificazioni;
  • Produrre e presentare annualmente la dichiarazione dei sostituti d’imposta (modello 770)

Il condominio deve effettuare il pagamento della ritenuta d’acconto del 20% sul compenso corrisposto dall’amministratore, quando quest’ultimo è soggetto alla ritenuta.

Normalmente sono soggetti a tale tipo di ritenuta i redditi di lavoro autonomo.

Il condominio, ancora, applica la ritenuta d’acconto del 20% anche nel caso di pagamenti a favore di altri lavoratori autonomi che hanno prestato la loro opera per l’edificio condominiale (esempio: ingegneri, geometri etc.).

Il condominio opera, infine, una ritenuta del 4% a titolo di acconto per pagamenti relativi a prestazioni rientranti in contratti d’appalto di opere o servizi.

Rientrano, per esempio, in questa ipotesi:

  • Interventi di manutenzione o ristrutturazione dell’edificio e dei suoi impianti;
  • Gli interventi di pulizia;
  • Manutenzione di caldaie, ascensori, giardini e altre parti condominiali.

Le ritenute devono essere versate tramite il modello F24 entro il giorno 16 del mese successivo a quello in cui sono stati effettuati i pagamenti ed è, quindi, stata emessa regolare fattura.

Di seguito alcuni codici tributo per la compilazione del modello F24:

-1001 ritenute sulle retribuzioni per lavoro dipendente;

- 1040 ritenute sui compensi di lavoro autonomo;

-1019 ritenute del 4% per soggetti passivi dell’IRPEF (esempio ditte individuali);

-1020 ritenute del 4% per soggetti passivi dell’IRES (esempio società di capitali).

LE CERTIFICAZIONI

L’amministratore di condominio, in quanto legale rappresentante dello stesso, deve rilasciare le certificazioni delle somme corrisposte nell’anno precedente e soggette a ritenuta.

Le certificazioni uniche devono essere trasmesse telematicamente all’Agenzia delle Entrate