Il covid ferma ancora le scuole a San Giuseppe Vesuviano. Il sindaco Catapano ha deciso di far continuare i ragazzi con la didattica a distanza. E Ottaviano riapre solo la Scuola dell'Infanzia

Quando nel resto della Campania si ritorna in aula fino alla prima media, il primo cittadino di San Giuseppe ha firmato un’ordinanza che blocca il rientro in classe almeno fino al 18 aprile. Poi prima entreranno le prime e poi dal 26 gli altri alunni fino alla prima media. Si tratta al momento dell’unico comune del vesuviano che ha adottato provvedimenti più restrittivi.

A Ottaviano aperte solo le scuole dell’Infanzia, il sindaco Capasso ha spiegato che “i positivi sono ancora più alti della media reginale. Inoltre, moltissimi contagiati appartengono alla fascia d’età interessata dalla ripresa in presenza delle lezioni scolastiche”. Le scuole verranno riaperte quindi in maniera graduale. Dal 7 aprile solo l’Infanzia, dal 12 bambini della prima e seconda elementare, dal 19 aperte le aule fino alla prima media.

"A seguito della rivalutazione odierna dei dati epidemiologici della nostra città – ha spiegato il sindaco di San Giuseppe Catapano - ho appena sottoscritto l'ordinanza che prevede il prosieguo della didattica a distanza, fino al 18 aprile 2021, per le scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado. In base all'ultimo report disponibile, infatti, nella nostra città: i positivi attuali sono 296; tra i positivi vi sono diversi casi di positività riconducibili a soggetti che operano nella scuola dell'infanzia, primaria e secondaria di primo grado; su 720 tamponi effettuati dal 27 marzo al 2 aprile, 129 sono risultati positivi, con un tasso di positività del 17,90%; in 14 giorni, abbiamo registrato 7 morti per covid; solo il 75% della popolazione scolastica ha ricevuto, ad oggi, il vaccino (esclusivamente la prima dose). Abbiamo richiesto all'ASL un nuovo aggiornamento dei dati ma, allo stato attuale, la responsabilità di tutela della salute pubblica impone, alla luce dei dati emersi e delle considerazioni condivise stamane, l'ulteriore sospensione della didattica in presenza. Abbiamo programmato, tuttavia, un graduale rientro in presenza, ove la condizione epidemiologica locale e le normative nazionali e regionali lo consentano, anche in relazione alla collocazione, fra due settimane, della Campania in una nuova fascia di rischio. Dunque dal 19 aprile potranno rientrare in presenza le scuole dell'infanzia, le classi prime e seconde della scuola primaria; dal 26 aprile potranno rientrare in presenza anche le classi terze, quarte e quinte della scuola primaria, nonché le classi prime della scuola secondaria di primo grado. Non consentire la didattica in presenza è una decisione sempre dolorosa ma noi, con responsabilità, continueremo a non sottrarci alle decisioni, pur sofferte e dolorose, necessarie a tutelare la vita degli abitanti di San Giuseppe Vesuviano".