Il San Giorgio si affida al Savoia dei record per conquistare la promozione in serie D. Il club granata, con l’arrivo di Francesco Mango, è ripartito con rinnovate ambizioni in vista dell’inizio del campionato di Eccellenza.

I granata hanno voluto così puntare su alcuni degli uomini della squadra che fu composta, nella stagione 2013/2014, dal presidente Lazzaro Luce e dal compianto direttore sportivo Tonino Simonetti che riuscirono nell’impresa di riportare il team di Torre Annunziata in Lega Pro.

Il primo ex Savoia è proprio l’allenatore. Prima esperienza in panchina per Pasquale Carotenuto. In quell’annata, malgrado avesse giocato con il contagocce, totalizzò 20 presenze con 7 gol. Di questi uno pesantissimo a Torrecuso e soprattutto la doppietta nella magica notte contro la Battipagliese.

Ancora in campo a dribblare avversari e a ubriacare difese il folletto palermitano Pippo Tiscione. Amatissimo dalla tifoseria, è stato più volte vicino al ritorno in maglia bianca. Ora una nuova esperienza in Campania. Tiscione segnò 8 reti in 30 presenze e fu determinante per quella sua innata capacità di aprire gli spazi per i propri compagni.

Uno di quelli che ne giovò di più fu Giuseppe Meloni. L’attaccante sardo si presentò molto bene al Giraud già nel match di esordio contro il Torrecuso. Per lui addirittura 16 realizzazioni in 31 presenze.

Il San Giorgio spera che questo trio possa essere vincente come a Torre Annunziata. E intanto un po’ di malinconia sale tra i tifosi del Savoia, che difficilmente si sono divertiti come in quella magica annata.

Foto Nunzio Iovene Il Cigno @rt