Il Savoia deve scardinare il bunker del Barletta. I bianchi sabato affronteranno la compagine pugliese, che ha la seconda miglior difesa del campionato con sole 20 reti subite (solo il Benevento ha fatto meglio con 18). La formazione di Sesia ha costruito così le proprie fortune cominciate a metà del girone d’andata ed ancora in corso d'opera.

Frutto anche dell’esperienza di due marpioni come Stendardo e Radi, che rappresentano una delle coppie più compatte dell’intera categoria. La fortuna della formazione di Aldo Papagni è che entrambi mancheranno per squalifica sabato al Giraud. Un’occasione davvero da non perdere per i bianchi che però hanno i soliti problemi in fase offensiva.

QUEL NUMERO IN COMUNE. Il 20 è un numero che ritorna anche per il Savoia. Infatti se per il Barletta questo è il totale dei gol incassati per i bianchi è il contrario. Gli oplontini hanno il quarto peggior attacco del girone, con solo Ischia Aversa e Reggina che hanno fatto peggio. Nella gestione Papagni 5 sono state le reti messe a segno dal Savoia, di cui addirittura 3 da Scarpa. L’ultima esultanza dei bianchi è stata quella contro l’Aversa causata dal gran gol di Verruschi. Poi contro il Lecce una nuova ricaduta. Rientrerà il capitano e forse anche Di Piazza, che potrebbe dare una mano a questa squadra a sbloccarsi anche solo per una partita.

Foto Nunzio Iovene Il Cigno @rt


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

Le probabili formazioni

I convocati

Il grande ex

I tre nuovi si presentano

San Valentino al Giraud